Archivio del Fendente

2007-2011

ASSISTENZA AI PARENTI DISABILI

Assistenza ai parenti disabili:ora è più facile ottenere i permessi dall’azienda

E’ diventato più facile per i lavoratori dipendenti ottenere dal datore di lavoro i permessi di tre giorni al mese per la cura e l’assistenza di disabili in famiglia. L’Inps si è adeguato al “verbo” della magistratura, anche se con notevole ritardo, e applica l’articolo 33 della legge 104/92 con una più ampia visuale, ovviamente favorevole ai lavoratori.
Le decisioni. Con sentenza 7701/03 la sezione lavoro della Cassazione ha affermato che la presenza in famiglia di un’altra persona che sia tenuta, o comunque possa provvedere, all’assistenza del parente con disabilità grave, non esclude il diritto ai tre giorni di permesso mensili retribuiti.
La stessa Corte, con sentenza 13481/04, ha confermato il principio secondo cui se in famiglia c’è una persona che non lavora, e può quindi assistere il disabile, non per questo si può negare il diritto del lavoratore ai tre giorni di permesso.
Stesso discorso da parte del Consiglio di Stato (sentenza 394/97): il beneficio non è subordinato alla mancanza di altri familiari.
Infine la Corte costituzionale, con sentenza 325/96, ha sottolineato come l’assistenza al disabile non debba essere per forza di tipo familiare.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: