Archivio del Fendente

2007-2011

PER CHI SUONA IL "CAMPANILE"

INCHIESTA DE L’ESPRESSO

Conti in tasca al ‘Campanile’. Voli, case e regali: così si spendono
i soldi dei finanziamenti pubblici

Il settimanale L’Espresso ha spulciato i conti del quotidiano dell’Udeur: una incredibile nebulosa in cui spariscono i milioni del finanziamento pubblico e sono molto sottili i confini tra gli interessi della famiglia Mastella e quelli del partito.

“”Il pozzo di San Patrizio
Ogni mese, fino all’inizio del 2006, l’amministratore del giornale pagava conti per spese di benzina per una media di 2 mila euro al mese. Per metà a carico dello Stato. I giornalisti del giornale però non c’entrano nulla. Questa pioggia di carburante sul ‘Campanile’ si concentrava sulla stazione di servizio della famiglia Parente di San Giovanni di Ceppaloni, la frazione di 600 anime dove si trova la villa dei Mastella, quella con la celebre piscina a forma di cozza. Proprio così: ‘Campanile’ e Udeur facevano il pieno a 250 chilometri di distanza proprio alla fine del vialetto che porta dalla villa dei Mastella al paese. Fino all’inizio del 2006 pagava il giornale, ora il partito. Ma chi usufruisce di queste tonnellate di benzina made in Ceppaloni?

Il titolare, Massimo Parente, dice a ‘L’espresso’: "Qualche volta viene il figlio, Pellegrino Mastella, con il suo Porsche Cayenne che ha una cilindrata di 4 mila e 200 e fa cinque chilometri con un litro. Mette in media 90 euro. Poi alla fine del mese viene un ragazzo dalla villa dei Mastella. Si chiama Daniele (Ferraro, un collaboratore di Clemente Mastella e Sandra, ndr), e mi fa timbrare la scheda carburante, non ricordo a chi è intestata". Il padre, Antonio Parente, ha gestito l’impianto fino a febbraio scorso, e ricostruisce: "Qualche volta Daniele, fa il pieno con l’auto di Pellegrino, più spesso con l’automobile usata dalla signora Sandra. Io faccio il buono e poi se la vedono loro. Compilano la scheda e non so se mettono tutto a carico del partito". Sulle schede non sono indicate le targhe ed è difficile distinguere benzina privata e pubblica.

Fonti vicine alla famiglia Mastella fanno sapere che Pellegrino avrebbe un’altra scheda carburante intestata alla sua società alla quale imputerebbe la sua benzina privata. Resta il giallo su quei 100 euro di benzina al giorno a carico prima del giornale e ora del partito (finanziati entrambi dallo Stato). Il segretario amministrativo dell’Udeur Pierpaolo Sganga paga fino a 4 mila euro al mese e spiega: "Sono legittime spese di rappresentanza riferite all’attività politica dei collaboratori del segretario nazionale del partito che peraltro non riceve nessun compenso da me. Spese giustificate, visto che in quella zona l’Udeur consegue il massimo dei voti".

“”Benvenuti a Casa Nostra
La storia dell’appartamento di largo Arenula che ospita la sede del quotidiano dell’Udeur è un altro monumento al familismo. L’ufficio era dell’Inail che lo aveva affittato al partito. L’Udeur, come abbiamo già raccontato su ‘L’espresso’ (‘Casa Nostra’, n. 35) poteva comprarlo nel 2006 a un milione e 450 mila euro, un ottimo prezzo. Invece, dopo un tortuoso giro, l’affare è stato fatto da

una società dei figli del segretario. In realtà quella società, secondo Tancredi Cimmino, era un bene dell’Udeur che l’aveva finanziata per ben 450 mila euro e non poteva essere ceduta da Mastella ai figli.

Comunque sia, i due giovani immobiliaristi non sono stati molto riconoscenti con il partito. Appena hanno comprato la sede del giornale hanno subito aumentato l’affitto da 3 mila e 500 a 6 mila euro più Iva. Bisogna capirli. Per comprare hanno sborsato 650 mila euro cash e si sono sobbarcati un mutuo da 1,1 milioni per una rata mensile di 6 mila e 500 euro, quasi identica all’affitto chiesto al giornale (amministrato anche da Pellegrino).

“”Pellegrino sotto il Campanile
L’ombra del ‘Campanile’ segna la traiettoria professionale del figlio maggiore. Appena laureato, Pellegrino ottiene un contratto di praticantato giornalistico a ‘Il Campanile’, come la sua fidanzata Alessia. Presto i due spiccano il balzo verso la professione legale: Alessia va all’Autorità delle Comunicazioni, nella segreteria dell’ex onorevole Udeur Roberto Napoli, mentre lui diventa socio dello studio Criscuolo. Gli associati sono tre: Fabrizio Criscuolo, Mastella junior e il suo coetaneo Davide Perrotta, il presidente del giornale.

Proprio ‘Il Campanile’ (quando c’era ancora Cimmino) pagava mille euro al mese per l’assistenza legale dello studio Criscuolo. Un contratto chiuso da Cimmino nel 2006 come quello della Acros, una società di brokeraggio assicurativo della quale Pellegrino è socio al 50 per cento. Acros ha incassato 36 mila euro in tre anni. Alla vigilia del rinnovo Cimmino ha revocato la consulenza e così Acros quest’anno si è dovuta accontentare di 2 mila euro per la polizza della serata di Roberto Benigni a Telese. "È una primaria società di brokeraggio che ha prestato attività di consulenza in vista della stipula di polizze per la responsabilità degli amministratori", precisano dal ‘Campanile’. Ma le polizze poi si sono fatte? "Non se ne è fatto più nulla". Altri 36 mila euro buttati dalla finestra del ‘Campanile’.(Fine)

(da: Il Quotidiano.net del 5.11.07)””

 

 Ndr. Al lettore spetta il commento.

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: