Archivio del Fendente

2007-2011

Archivi per il mese di “dicembre, 2007”

AUGURI DAL FENDENTE

Annunci

INTERVISTA A DANILO BIANCHI, SINDACO DI ANGHIARI

IL BILANCIO DEL SINDACO DANILO BIANCHI NELL’ANNO 2007

Finisce il 2007 e come sappiamo in ogni anno possiamo trovare grandi soddisfazioni ma anche forti dolori. Siamo con il sindaco d’Anghiari dott.Danilo Bianchi rieletto plebiscitariamente “primo cittadino” nella primavera scorsa; con lui cerchiamo di esaminare questo 2007.

Danilo, che effetto le fa l’esito elettorale avuto a suo favore ?

“Si è trattato di un risultato eccellente, superiore anche alle mie attese. Pensate: tre P0002677anghiaresi su quattro hanno deciso di ridare la fiducia a me ed alla coalizione che mi sosteneva. Non sono insensibile e mi sono commosso.”

La “colpa” è esclusivamente sua e del suo gruppo per come avete agito nella prima legislatura (sicuramente bene –ndr.), ma ora ?

“Mi hai preceduto nella risposta, ma è segno che anche gli organi di stampa hanno visto e valutato, come i cittadini, in modo corretto la nostra opera e posso assicurare che di fronte alla cittadinanza ci sentiamo ancora più responsabilizzati per migliorarci e per migliorare Anghiari che mi onoro di governare.”

Nel concreto, quali sono state le opere maggiori in questo secondo mandato?

“Siamo intervenuti in maniera concreta per la messa in sicurezza delle strade e delle scuole comunali. Vorrei rimarcare anche il forte impegno per l’Istituto Statale d’Arte che fa parte della storia e della cultura del paese. Poi la battaglia per la difesa di un servizio essenziale come la ‘guardia medica’ la cui partita è ancora in gioco e siamo nell’attesa del giudizio del Tar”.

Nel caso il ricorso al Tar non avesse buon esito ?

“Comunque vada a finire, è nostra intenzione destinare al servizio i ‘fondi della montagna’ che sono cospicui e poco utilizzati e lo faremo per  ridare dignità ad un bene dell’intera comunità”.

C’è poi il turismo, c’è Anghiari proiettato (in questo periodo) su tutti gli schemi cinematografici d’Italia.mini-Anghiari_07-07-07 005

“Un autentico evento che abbiamo saputo cogliere al volo, che ci onora e si sta dimostrando anche un ottimo volano promozionale”.

Prima di parlare di un altro argomento che ti (e ci) stà molto a cuore, una preghiera dal “tuo popolo”: la direzione dell’Istituto Statale d’Arte ‘sottrattaci’ (come tante altre cose che ora non elenco) ma non per colpa tua, non sotto la tua gestione amministrativa, che possa ritornare. La risposta non ora.

Siamo così arrivati al momento segnato da forte dolore per il sindaco Danilo Bianchi e per tutti gli anghiaresi:

“La scomparsa di un amico, la morte di Walter Del Sere è stato un lutto non solo per me ma per tutto Anghiari –così esordisce il sindaco-. La sua è una perdita grave, chePalio Anghiari 2007 162 lascia un vuoto incolmabile nelle coscienze e nei cuori di ognuno di noi perché Walter era Anghiari. Non sarà semplice ma cercheremo di superarla, soprattutto per onorare la sua memoria”.

Questo il 2007; stiamo entrando nel 2008.

“Intanto approfitto per rivolgere i migliori auguri di felice 2008 in cui raccoglieremo i risultati della forte iniziativa di promozione turistico-culturale, già avviata nel tempo, perciò Anghiari sarà l’autentico punto di riferimento della vallata in questo fondamentale versante.”

Termina qui l’intervista rilasciata dal sindaco Danilo Bianchi con la promessa di rivederci tra pochi giorni quando annuncerà le ‘opere’ per il 2008.

Gino Dente

I N T E R V A L L O

HE10_20

IL V.BRIG.SALVO D'ACQUISTO

E’ morto Angelo Amadio, ultimo testimone del sacrificio di Salvo D’Acquisto

– È morto a Roma la scorsa notte Angelo Amadio, 81 anni, ultimo testimone del sacrificio del vice brigadiere dei carabinieri Salvo D’Acquisto, Medaglia d’oro al valor militare, fucilato dai militari tedeschi a Torre di Palidoro, vicino a Roma, il 23 settembre 1943. Amadio, all’epoca appena diciottenne, faceva parte di un gruppo di 23 persone catturate da un drappello di soldati tedeschi e condotte alla Torre di Palidoro clip_image002per essere giustiziate: si trattava di una rappresaglia per la morte di un loro commilitone, avvenuta il giorno prima per l’esplosione di un ordigno. I prigionieri vennero anche costretti a scavare la fossa dove sarebbero stati seppelliti, dopo la fucilazione collettiva.
Proprio la crudeltà di questa scena spinse il vice brigadiere D’Acquisto a chiedere all’ufficiale tedesco la liberazione degli ostaggi e, con gesto eroico, ad assumersi la responsabilità di quanto accaduto il giorno precedente. In questo modo il sottufficiale dei carabinieri salvò la vita di 22 persone innocenti, tra cui anche quella di un ragazzo, Angelo Amadio appunto, sopravvissuto perché, come egli stesso ha avuto modo di ricordare, «lui volle morire per noi».

Ndr. Nella immagine sopra  riprodotta: il V.Brigadiere Salvo D’Acquisto che ci insegna e ricorda come si fa ad essere "veri eroi". Onore a Te da parte della Redazione del "Fendente".

"BUSINESS" O FEDE ?

Una Gerusalemme alle porte di Buenos Aires

La visita guidata inizia con un Cristo gigante alto nove metri, che si erge ogni mezz’ora dal monte Sinai mentre gli altoparlanti diffondono l’Alleluia di Beethoven. Benvenuti a «Tierra Santa», il megaparco tematico dedicato alla vita di Gesù, a dieci gesu01g[1]minuti dal centro di Buenos Aires. Siamo di fronte al Rio della Plata, a meno di un chilometro dalle piste dell’aeroporto metropolitano, con gli aerei che passano ogni cinque minuti e quasi lambiscono la Gerusalemme ricostruita su un’area di cinquantamila metri quadrati. Stradine e case di pietra, il Muro del Pianto, il mercato delle spezie, grotte e templi romani. Lo speaker ufficiale, abiti d’epoca e megafono in mano, avvisa: «State per entrare nella città che vide nascere, vivere e morire il Nostro Signore. Qui incontrerete le diverse fedi che per molti anni hanno saputo convivere. Potete visitare il parco assieme alle nostre guide o farlo da soli. Il percorso dura tre ore, fate attenzione agli orari degli spettacoli». I cancelli aprono alle cinque del pomeriggio, i gruppi vengono scaglionati di cento in cento. Al botteghino spiegano che nei giorni di massima affluenza, come le feste di Pasqua, entrano più di seimila persone. Dal 1999 sono passati quasi tre milioni di visitatori. Un bel business della fede.

 

I "MIRACOLI" DELLA CHIRURGIA

I – Snake, il serpente chirurgo

 

Si chiamerà «I-Snake», per la sua forma che ricorda un serpente, e permetterà ai chirurghi di adottare tecniche meno invasive per operazioni come gli interventi sui bypass. Al progetto – spiega il sito web della Bbc – sta lavorando un gruppo di ricerca dell’Imperial College di Londra, grazie a un finanziamento di 2,1 milioni di sterline.

L’I-Snake si presenterà come un robot di forma tubolare, dotato di un sistema di motori e sensori che gli consentirà di raggiungere le cavità del corpo umano limitando il più possibile il ricorso al bisturi.

La tecnologia ottica permetterà inoltre all’I-snake di giocare un ruolo importante anche in fase diagnostica. Sarà possibile, ad esempio, effettuare un esame del colon senza interventi invasivi. «Le facoltà visuali e sensorie senza precedenti dell’I-Snake, combinate con la sua capacità di accesso e sensibilità – afferma il ministro della Salute britannico, Lord Ara Darzi, tra i membri del team di ricerca – permetterà procedure diagnostiche e terapeutiche più complesse di quelle correnti».
Tra i benefici dell’I-Snake, finora sperimentato solo sui topi, Lord Darzi cita tempi di convalescenza e di degenza minori e una riduzione dei rischi per il paziente.

FIORONI: MEGLIO TARDI CHE MAI.

Fioroni: "Nuove regole per i docenti – Si riparte dal merito e dalla qualità"

Il ministro delle Pubblica istruzione anticipa alcune novità previste nel nuovo anno. A partirea dai concorsi e dai tirocini: un praticantato di due anni, "così come avviene in tutte le professioni"

clip_image001Roma, 30 dicembre 2007 – La scuola italiana ha bisogno "di rimettere a posto una serie di cose, ripartendo dal merito e dalla qualità della didattica". Lo anticipa in un’intervista il ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni.

 "Il reclutamento del personale – ha affermato il ministro – avrà nuove regole che entreranno in funzione progressivamente quando saranno svuotate le graduatorie a esaurimento. Tutti quelli che fanno parte delle liste esistenti entreranno in ruolo, dopo si ripartirà con i concorsi e cambierà tuttò".

 "Con le nuove norme – ha spiegato – l’abilitazione sarà solo un requisito per partecipare al concorso. La novità importante è che i concorsi non saranno banditi alla cieca, tanto per reare graduatorie e tenere gente in fila per anni. Con il nuovo regolamento i bandi saranno sulla base dei posti da coprire. L’altra novità è quella del tirocinio. L’aspirante docente è idoneo o non idoneo? Lo dirà il praticantato da uno a due anni, periodo di prova in cui l’insegnante verrà messo sotto esame: è così in tutte le professioni".

Da: Quotidiano.net

Ndr: Se ne è finalmente accorto anche il Ministro Fioroni  che bisognava cambiare qualcosa nella scuola, diventata ormai una fabbrica generalizzata di (svalutati) diplomi.

Capacità professionale, meritocrazia, impegno assiduo, selezione e”praticantato” cose normali nell’industria privata, non sembrano ancora far parte del modo d’essere e di operare di questa foltissima schiera di pubblici dipendenti che hanno oltretutto il delicatissimo compito di formare, ma anche “forgiare” (anche con l’esempio personale) le giovani e le  giovanissime generazioni che rappresentano e saranno il futuro del nostro Paese.

Per il momento però si procede come sempre, quindi nulla di nuovo a parte le parole spese,  e questo dopo le recenti ammissioni dello stesso Ministro (vds. Articolo sul Fendente) che se la prendeva con il sistema scolastico in quanto produceva “somari” e non cultura e maturità di pensiero necessari se non indispensabili a chi dovrà affrontare le sfide e gli impegni della vita.

Speriamo tutti che, una almeno volta ogni tanto, alle parole seguano i fatti.

rs

 

MORTO ANCHE IL SETTIMO OPERAIO

THYSSEN: MORTO IL SETTIMO OPERAIO

(ANSA) – E’ morto nel primo pomeriggio, nell’ospedale Cto di Torino, Giuseppe Demasi, 26 anni, il settimo operaio rimasto ferito nell’incendio avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 dicembre nello stabilimento di Torino della ThyssenKrupp. Era l’unico rimasto in d48a53438725d88d886e0ccc0c63a5d1[1]vita dopo la tragedia. Nell’incendio era morto sul colpo Antonio Schiavone,poi nelle settimane successive si sono verificate le altre morti. Demasi era stato sottoposto a tre interventi chirurgici, ma nei giorni scorsi le sue condizioni si erano aggravate. L’uomo è morto oggi poco dopo le 13,30.

ANCORA GIOVANE MA "GRAN…."

Droga: a diciassette anni detiene 50 pasticche di ecstasy

Arrestato davanti ad un locale di tendenza a Figline

(ANSA) – FIRENZE, 30 DIC – Uno studente diciassettenne e’ stato arrestato dai carabinieri di Figline Valdarno perche’ trovato in possesso di 50 pasticche di ecstasy. Il ragazzo, che non ha precedenti penali, e’ stato fermato davanti ad un locale di tendenza di Figline. Il giovane, che frequenta l’ultimo anno delle scuole dell’obbligo, e’ stato arrestato per detenzione e spaccio e portato nella sezione custodia del centro di prima accoglienza di Firenze.

 Ndr.Cosa direste al 17nne, ai suoi genitori (se ce li ha), ai suoi insegnanti ?

ALITALIA SVENDUTA AI FRANCESI

…e chi si stupisce? Italia allo sbando e in svendita grazie a una classe politica marcia in tutto! Ecco cosa diceva un comico già due anni fa, leggendolo oggi si ha tutta l’impressione che già allora fosse stato tutto deciso.
“C’è una ragazza che è venuta a trovarmi, un’informatica dell’Alitalia, mi ha detto una cosa in cui credo. La verità è alla base non ai vertici. Alitalia sta chiudendo ma si sono già messi d’accordo: diventerà una compagnia low-cost, a basso costo, di Air France perché Berlusconi e Lunardi l’hanno svenduta in cambio dei finanziamenti per l’alta velocità Torino – Lione. L’hanno svenduta. Ma, d’altronde, tante cose cambieranno indipendentemente da Berlusconi o chiunque ci sia al suo posto. Cambieranno per forza di cose: nessuno potrà più prendere un aereo dell’Alitalia per andare a Roma e spendere duecento euro. Perchè? Per adottare un pilota dell’Alitalia?"
Beppe Grillo durante lo spettacolo beppegrillo.it a Roma il 28/4/2005
Segue il video…

 

FINIRA' LA RICERCA DEL CARROZZONE NEL 2008?

Ultima domanda “graffio” dell’Anno che se ne va. La domanda è rivolta alla ConfCommercio ed alla ConfArtigianato nelle persone che si identificano dirigenti responsabili nelle suddette ‘categorie’ della Valtiberina Toscana.

Eccola:

Uno che dichiara di appartenere alla ConfArtigianato solo perché vende mobili artigianali che, attenzione,  acquista addirittura già fatti, dovrebbe essere, semmai, inserito tra i ‘commercianti’e “mai” tra gli ‘artigiani’ a cui lo stesso dice di appartenere e magari di rappresentare.

Se succedesse ciò, cosa ne pensate ?”

Rispondeteci, basta fare un clic all’apertura del “Fendente”, dove sulla destra appare scritto: Redazione.

Vi appariranno delle buste, ognuna accanto al componente la Redazione a cui potete formulare una domanda, dare una risposta, fare delle proposte utili alla cittadinanza etc…,etc…

Le vostre risposte sarebbero un segno di democrazia per combattere ogni tipo di ingiustizia.

La Redazione del “Fendente”

NOTA DI MARCELLO D’ANDREA

Il direttore del CEsQ (Centro Studi sul Quaternario) di Sansepolcro ci invia una nota esplicativa su un atrticolo apparso pochi giorni fa sulla nota rivista “Science”.

 

I primi scarafaggi 256 milioni di anni fa insieme ai dinosauri

 

e per dare un piccolo contributo ad una corretta divulgazione della scienza mi permetto di farvi notare, limitandomi al titolo, che gli "scarafaggi" sono tra i gruppi di insetti alati più antichi sulla terra, e risalgono al Carbonifero superiore, intorno a 300-280 milioni di anni fa.

La data a cui si fa riferimento, 256 milioni di anni fa, si trova nel Permiano finale (fine Paleozoico), poco prima dell’estinzione di massa permo/triassica (251 milioni di anni fa). A questa segue il Triassico e, verso la fine di questo, poco prima dell’estinzione di massa trias/giurassica, ca. 200 milioni di anni fa (metà Mesozoico), compaiono i primi dinosauri. A quel punto, insetti e scarafaggi esistono già da oltre 100 milioni di anni.

 

Nel testo ci sono poi diversi errori e contraddizioni (come attribuire agli "scarafaggi" un ruolo determinante nella coevoluzione con le angiosperme e via dicendo)

 

Siccome mi sembrava incredibile che un biologo potesse dire certe cose, mi sono letto l’articolo su "Science" (di cui riporto qui sotto l’abstract). Come pensavo, nell’articolo si parla di "beetles" che, in questa accezione, sono coleotteri e non scarafaggi. Ma ad evitare ogni equivoco, a cominciare dall’abstract, gli autori scrivono chiaramente: We performed a comprehensive phylogenetic analysis of Coleoptera…

 

Dopodichè naturalmente, per quanto riguarda l’articolo su Science, tutto torna a posto.

 

Un cordiale saluto e grazie dell’attenzione

 

dr Marcello d’Andrea

direttore Centro Studi sul Quaternario onlus

Sansepolcro – www.cesq.it

 

RIF:
Science 21 December 2007:
Vol. 318. no. 5858, pp. 1913 – 1916
DOI: 10.1126/science.1146954

 

Reports

A Comprehensive Phylogeny of Beetles Reveals the Evolutionary Origins of a Superradiation

Toby Hunt,1,2* Johannes Bergsten,1,2* Zuzana Levkanicova,3 Anna Papadopoulou,1,2 Oliver St. John,1,2 Ruth Wild,1,2 Peter M. Hammond,1 Dirk Ahrens,4 Michael Balke,1,4 Michael S. Caterino,1,5 Jesús Gómez-Zurita,1,6 Ignacio Ribera,7 Timothy G. Barraclough,2 Milada Bocakova,8 Ladislav Bocak,3 Alfried P. Vogler1,2

Beetles represent almost one-fourth of all described species, and knowledge about their relationships and evolution adds to our understanding of biodiversity. We performed a comprehensive phylogenetic analysis of Coleoptera inferred from three genes and nearly 1900 species, representing more than 80% of the world’s recognized beetle families. We defined basal relationships in the Polyphaga supergroup, which contains over 300,000 species, and established five families as the earliest branching lineages. By dating the phylogeny, we found that the success of beetles is explained neither by exceptional net diversification rates nor by a predominant role of herbivory and the Cretaceous rise of angiosperms. Instead, the pre-Cretaceous origin of more than 100 present-day lineages suggests that beetle species richness is due to high survival of lineages and sustained diversification in a variety of niches.

INTERVENTI 2007 DEI VIGILI URBANI

L’assessore alla polizia municipale di Sansepolcro Ferdinando Mancini comunica dettagliatamente i risultati dell’operato annuale dei vigili biturgensi. Aumentano gli interventi, mentre diminuiscono i ricorsi. Incassati 679.000 euro, una parte dei quali a norma di Legge andranno a finanziare l’impianto di videosorveglianza recentemente approvato dalla Giunta.

 

 

Organico: Comandante, Vice Comandante, 8 vigili = 10 + 1 amministrativo

 

Totale interventi. contro la violazione del Codice della Strada:  6125 (a fronte di 5729 interventi nel 2006, 4544 interventi nel 2005 e 2032 interventi nel 2004). 

 

Incidenti rilevati sulla strada: 82 di cui 16 con feriti

 

 

Violazioni con sospensione della patente Art. 142 comma 9 ( sospensione di 1 mese della patente): 492

 

 

Segnalazioni della patente previste dal Codice della Strada a seguito di violazioni gravi:          8

 

È da rilevare il basso numero di ricorsi:

Ricorsi alla Prefettura                                                                  33

Ricorsi al Giudice di Pace                                                    90

 

 

Nell’arco del 2007 sono stati decurtati a seguito violazione del C.S.   8084 punti patente

 

 

Importo accertato nel 2007:         €. 679.000

(a norma di legge, il 50% delle entrate derivanti dalle sanzioni per le violazioni del Codice della Strada, deve essere utilizzato per finanziare interventi e strumentazioni per la sicurezza e la viabilità. L’impegno economico sui sistemi di  videosorveglianza è finanziato da questo specifico fondo)

 

38 interventi amministrativi, settore commercio

 

9 segnalazioni alla Procura della repubblica  per Abusi edilizi.

 

100 accertamenti anagrafici e artigianali

 



1500 i permessi rilasciati per sosta ai residenti centro storico o loro assimilati. 

 

(Il Piano del traffico ha comportato da parte dell’Ufficio la rilevazione dei dati della mobilità, la loro elaborazione e la realizzazione delle modifiche eseguita assieme all’ufficio tecnico, impegnando costantemente personale della Polizia Municipale).

 



723 concessioni alla sosta rilasciati a soggetti diversamente abili

 

 

Piano della Pubblicità:

L’ufficio per portare a compimento la rilevazione della segnaletica pubblicitaria sparsa per il territorio comunale ha dal mese di settembre, per 4 mesi, distaccato un vigile che ha operato assieme ad un funzionario tecnico amministrativo

 

 

L’Assessore alla Polizia Municipale

Ferdinando Mancini

Ppp: BILAWAL IL NUOVO PRESIDENTE. HA 19 ANNI.

BHUTTO: IL FIGLIO LE SUCCEDE, RINVIO DEL VOTO

Bilawal, 19 anni, figlio dell’assassinata ex primo ministro Benazir Bhutto è stato nominato presidente del Partito popolare pachistano (Ppp). Lo hanno reso noto fonti dello stesso partito.  "E’ stato deciso – ha dichiarato un esponente del partito – che Bilawal sarà il presidente e (suo padre) Asif Ali Zardari sarà co-presidente". L’assemblea che ha preso la decisione si tiene a Naudero, nel Pakistan meridionale.
Il partito che sostiene il presidente Pervez Musharraf ha sospeso la campagna elettorale e proclama di ritenere inevitabile un rinvio di due-tre mesi delle elezioni in Pachistan.
Una decisione formale sulla data delle elezioni, fissate all’8 gennaio, verrà presa domani dalla Commissione elettorale che terrà una "riunione di emergenza" a Islamabad. Ma i giochi sembrano orami fatti, imposti dalle circostanze. Era stata ieri la stessa commissione elettorale a fare filtrare un parere che aveva il sapore di un preannuncio: l’assassinio di Benazir Bhutto ha "colpito in modo sfavorevole" il processo elettorale.
Oggi è uscita allo scoperto la Lega musulmana del Pachistan Qaid, pilastro della alleanza filo-Musharraf. "Abbiamo sospeso la campagna elettorale in funzione della situazione", ha detto
l’ex ministro e portavoce del partito Tariq Azim Khan. E poi: "non tutti gli altri partiti politici potrebbero partecipare alle elezioni". Pertanto "un rinvio di 10-12 settimane dello scrutinio è un’opzione realistica". Si tratta di una strada che a questo punto sembra inevitabile anche agli alleati internazionali del Pakistan, Usa in testa, perché a tutti appare assurdo fingere che l’attentato a Benazir Bhutto possa essere considerato solo un marginale incidente di percorso sulla strada della democratizzazione.
A suggerire il rinvio ci sono in primo luogo le violenze, quelle tribali nel Nord legate al conflitto afghano e ai taleban, e quelle tutte politiche al sud. Poi c’é il boicottaggio già annunciato da Nahwaz Sharif, autorevole esponente del’opposizione. Ci sono poi le distruzioni degli elenchi elettorali negli uffici pubblici dati alle fiamme negli ultimi giorni, e il lutto per la Bhutto, presumibilmente di 40 giorni, che il Ppp dovrebbe proclamare. Lo stesso Ppp però, secondo indiscrezioni giornalistiche, nella riunione dei suoi vertici in corso a Naudero, avrebbe deciso di non boicottare le elezioni. Scelta che potrebbe suonare come una critica al rinvio.
ULTIME PAROLE, GRIDAVA LUNGA VITA A BHUTTO
Le ultime parole pronunciate da Benazir Bhutto, prima di morire sono state "lunga vita a Bhutto", lo slogan dei suoi sostenitori. Lo ha raccontato a un domenicale britannico Safdar Abbassi, principale consigliere politico della ex premier uccisa giovedì, che si trovava con lei in automobile al momento dell’attentato. Salutava la folla, sporgendosi al di sopra dell’automobile, e gridava "Lunga vita a Bhutto"; "non ha detto nient’altro" dopo avere lanciato quel grido, ha riferito Abbassi in una intervista al Sunday Telegraph. Dopo che è echeggiato un colpo di pistola "Mi è sembrato che si abbassasse di scatto avendo sentito il colpo… In quell’attimo non si poteva capire che era stata colpita". Benazir Bhutto, ferita a morte, non ha emesso alcun suono, mentre il sangue le usciva copiosamente da una ferita, sul lato sinistro del collo. "C’era sangue dappertutto, sul collo e sui vestiti… Non poteva parlare". Quando è arrivata in ospedale la leader dell’opposizione era ancora viva – ha detto ancora Abbassi – e i medici si sono adoperati al massimo, "ma ormai era troppo tardi".
LA TV MOSTRA IMMAGINI DI DUE ATTENTATORI
Una televisione pachistana ha mandato in onda oggi confuse Fotogrfafie di quelli che appaiono due killer che hanno partecipato all’attentato di giovedì contro la leader dell’opposizione Benazir Bhutto. Dawn News Tv ha mostrato tre immagini che dice di avere ricevuto da un fotografo dilettante. Una mostra due uomini in piedi tra la folla subito dopo il comizio al termine del quale la Bhutto è stata uccisa. Si vede in particolare abbastanza chiaramente un uomo con gli occhiali da sole e una camicia bianca che potrebbe essere lo stesso che appare nel filmato già circolato ieri. Dietro a lui c’é un altro uomo che secondo Dawn potrebbe essere il kamikaze che si è fatto esplodere. In due altre foto si vede l’uomo puntare la pistola mentre si trova a non più di tre metri dalla Bhutto. Secondo la versione ufficiale sono stati sparati tre colpi di pistola contro la Bhutto e poi un kamikaze si è fatto esplodere uccidendo 23 persone. Le autorità non hanno mai detto quanti erano secondo loro gli attentatori.

LUCI ED OMBRE PER IL 2008

Via ai rincari sugli Eurostar      Rc auto in calo del 7 per cento  

Buone notizie per gli automobilisti, mentre dal primo gennaio sono in arrivo i tradizionali rincari di inizio anno nei trasporti (ferrovie e autostrade).
L’Rc auto costerà nel 2008 il 7-8% in meno. Le imprese di assicurazione – fa sapere l’Isvap – non potranno più imporre ai distributori i prezzi minimi o gli sconti massimi da applicare agli acquirenti di polizze Rc auto, ma potranno solo stabilire in via preventiva la misura complessiva degli sconti riconoscibili alla clientela in un determinato arco di tempo (il cosiddetto «monte sconti»). E l’Isvap sottolinea che la disposizione è contenuta nel regolamento attuativo, reso pubblico ieri, del pacchetto Bersani sulle liberalizzazioni. Secondo le simulazioni effettuate dall’Autorità di vigilanza sulle assicurazioni il risarcimento diretto sta esercitando un effetto di contenimento dei costi per le imprese pari al 7-8% annuo. Il regolamento «rendendo ancora più flessibili e trasparenti i prezzi finali al dettaglio e le condizioni contrattuali delle polizze Rc auto, crea le condizioni per una maggiore mobilità del consuma-tore, una più intensa concorrenza tra le imprese e dunque per il contenimento delle tariffe» aggiunge l’Isvap. Tra breve cambiano intanto i prezzi dei treni di fascia alta – sottolinea una nota delle ferrovie – utilizzati solo dal 3% delle persone che ogni giorno prendono il treno: Alta Velocità, Eurostar, Eurostar City, Tbiz. Dal primo gennaio i biglietti di questi treni aumenteranno del 15%, secondo quanto previsto nel Piano industriale di Ferrovie dello Stato. Nessun aumento invece per intercity, espressi e treni per pendolari. Il Codacons ha stimato un onere aggiuntivo di 75 euro l’anno a famiglia ed ha annunciato un ricorso al Tar, mentre l’Adusbef calcola in 1.70 euro gli aumenti totali per le famiglie nel 2008. Ci sarà però il vantaggio di acquistare i biglietti ferroviari online. Il nuovo prezzo dei treni di fascia alta sarà ridotto del 5% se l’acquisto verrà effettuato via internet (sul sito http://www.ferroviedellostato. it, al call center 892021 e nelle agenzie di viaggio con modalità ticketless).
Infine, dal primo gennaio rincareranno anche le tariffe autostradali. Per la rete di Autostrade per l’Italia l’aumento riconosciuto sarà del 3,61% – secondo la ricognizione effettuata dal ministero delle Infrastrutture – mentre la società del gruppo Atlantia aveva chiesto adegaumenti nel’ordine del 6,37 per cento. Per chi percorrerà la Tangenziale di Napoli da gennaio le tariffe saranno più care del 3,22%, mentre l’Autobrennero costerà il 2,75% in più. L’aumento più contenuto per la Milano Serravalle: +0,85%.

 

Ndr: Luci ed ombre del primo mese del 2008. Per la verità poche luci e molte ombre.

Tra le (poche) prime quella del ribasso dell’assicurazione auto (RCA).

Ma attenzione, non aspettatevi che il vostro assicuratore quando varcherete la soglia del suo ufficio od Agenzia vi dica…. Complimenti quest’anno lei pagherà di meno … come se si fosse miracolosamente vinto ad una lotteria o ad un gratta e vinci.

 

E’ bene comunque sapere che:

1.- Le Agenzie di Assicurazione avranno più autonomia nello spazio negoziale del valore del premio che paghiamo (ovvero applicazione di possibili maggiori sconti)

2.- Trattandosi di soldi a riduzione del “loro margine” è difficile pensare che vengano  elargiti spontaneamente e a tutti indiscriminatamente.

3.- E’ quindi buona norma negoziare caso per caso l’entità del ribasso, o, a parità di  premio (ovvero il prezzo da pagare) avere una copertura assicurativa maggiore o più personalizzata.

rs

 

I N T E R V A L L O

foto516

CONTRADA "DEVE" ESSERE CURATO

Contrada: legale, e’ in ospedale

Oggi incontro tra l’ex funzionario Sisde e Lipera

contrada01g[1]

(ANSA) – NAPOLI, 30 DIC – Bruno Contrada e’ ancora ricoverato all’ospedale Cardarelli di Napoli. Lo ha detto il suo legale, Giuseppe Lipera. Ieri l’ex funzionario del Sisde aveva firmato, contro il parere dei medici, la richiesta di dimissione dalla struttura sanitaria per far ritorno al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Stamani l’ ex funzionario del Sisde dovrebbe incontrare proprio il suo difensore. Secondo fonti dell’ospedale Cardarelli le condizioni di Contrada sono stazionarie.

PALAZZO CHIGI: TAGLI. DOBBIAMO CREDERCI ?

PALAZZO CHIGI: TAGLI DI SPESE, MENO VOLI DI STATO E AUTO BLU

Dieci milioni di euro di risparmi: Palazzo Chigi dà l’esempio e per il 2008 mette in cantiere nel bilancio di previsione tagli alla spesa interna per 10 milioni di euro. Stretta su convegni, spese di rappresentanza ma anche una rigida applicazione delle norme che disciplinano l’uso di auto blu e voli di stato.

 "Abbiamo intrapreso un trend di risparmi che riteniamo possa essere strutturale", clip_image001spiega il segretario generale della Presidenza del Consiglio Carlo Malinconico conversando con l’ANSA.

Tra beni e servizi, spese per il personale e investimenti, il budget a disposizione per il funzionamento della Presidenza del Consiglio sarà nel 2008 di 318,6 milioni di euro (contro i 328,8 del 2007). Con queste spese tra staff, logistica e servizi si amministrano politiche per 3,6 miliardi di euro.

Drastica riduzione dei voli di Stato dove nel 2008 è prevista una riduzione della spesa del 30%. Stretta anche per le auto blu che non potranno varcare, se non in casi eccezionali, il limite del Grande Raccordo Anulare di Roma. "Il risultato è frutto di diverse direttive: abbiamo analizzato nelle pieghe di ciascuna spesa e abbiamo realizzato che margini di risparmio c’erano", riferisce Malinconico precisando che si sarebbero raggiunti risultati ancora più cospicui se non fosse arrivata in corso d’anno, a carico di Palazzo Chigi, anche la gestione contabile e funzionale del Cipe (il Comitato interministeriale per la programmazione economica).

"La razionalizzazione delle spese – prosegue – comporta compressione e dunque in certi casi resistenze. Ma posso dire che c’é stata anche grande collaborazione". A fronte dei 10 milioni di risparmi per spese di funzionamento nel 2008 ci sono 8,3 milioni di euro in più per le politiche gestite dall’istituzione centrale del governo. Il lavoro è stato certosino: si va dalle grandi operazioni, come la scelta di liberare un immobile (quello di via Boncompagni) con conseguente accorpamento di uffici o la scelta di vagliare ogni singola richiesta di utilizzare i voli dell’aeronautica per ragioni di lavoro (monitorando finanche gli scali non necessari), a misure più piccole, come la revisione dei pacchetti Sky sulle tv, la drastica riduzione delle mazzette dei giornali, la rinegoziazione di canoni di utenze, il controllo delle spese per spedizioni postali fino all’abbassamento di un grado per riscaldare gli ambienti. Meno spese per il 2,2% anche sul personale "grazie al blocco del turn-over e alla non presenza di arretrati da erogare nelle previsioni".

Ma anche 120 militari in meno a disposizione "che verranno restituiti ai comandi di provenienza per un miglior presidio del territorio". Completata la ristrutturazione di importanti immobili, per il 2008 è possibile mantenere in conto anche il 24% in meno di spese per manutenzione straordinaria. "Un lavoro non facile ma possibile. Sulla spesa occorre agire sempre con grande attenzione perché se si va oltre un certo limite, il rischio – conclude il segretario generale di Palazzo Chigi – è che le amministrazioni si blocchino". Ecco in una tabella, in termini percentuali, i risparmi decisi dalla Presidenza del Consiglio nel bilancio di previsione 2008 per beni e servizi.

SPESE 2008 PALAZZO CHIGI – Consigli, comitati e altri organismi -10,3% – Esperti -16,3% – Spese di rappresentanza -5,0% – Convegni, congressi, altre manifestazioni -7,0% – Studi -8,0% – Auto -7,0% – Canoni telefonici -5,0% – Affitti -12,8% – Manutenzioni -9,45% – Personale -2,2% – Spese in conto capitale -24,0% .

 

IMMIGRAZIONE, FIRMATO L'ACCORDO CON LA LIBIA

Italia-Libia, firmato l’accordo contro i clandestini

Amato: "Così si salveranno molte vite". Previsti pattugliamenti con squadre miste a ridosso delle coste libiche. Il governo italiano si impegna a sostenere con la UE i programmi di cooperazione con la Libia

"Quello che si è concluso è un lungo e riservato negoziato con la Libia. Sarà ora possibile un pattugliamento con squadre miste a ridosso delle coste libiche, davanti ai porti e alle baie da cui escono le imbarcazione dei trafficanti di uomini. In questo modo sarà possibile contrastare con molta maggiore efficacia questi traffici, salvando molte vite umane e sgominando le bande criminali che li gestiscono". E’ quanto afferma il ministro dell’Interno, Giuliano Amato, dopo la firma dell’accordo tra Italia-Libia. "E’ ciò che è stato fatto sulle coste dell’Albania, azzerando di fatto l’afflusso dei clandestini attraverso quella rotta. Ora sarà possibile farlo anche con la rotta dalla Libia", ha aggiunto il titolare del Viminale.

Il protocollo di cooperazione tra i due Paesi è statao siglato, a Tripoli, dal ministro dell’Interno, Giuliano Amato, e il ministro degli Esteri libico, Abdurrahman Mohamed Shalgam ed è finalizzato a fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione clandestina.

In base all’intesa, si legge in una nota del Viminale, le due parti "intensificheranno la collaborazione nella lotta contro le organizzazioni criminali dedite al traffico degli esseri umani e allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina". L’accordo prevede, in particolare, l’organizzazione di pattugliamenti marittimi congiunti davanti alle coste libiche. In questo modo sarà possibile contrastare efficacemente la partenza dei natanti e bloccare il tragico traffico degli esseri umani. Il Governo italiano si impegna, altresì, a "sostenere con l’Unione europea i programmi di cooperazione con la Libia, con particolare riferimento ai controlli sull’immigrazione clandestina".

LA SCHEDA

L’accordo firmato a Tripoli prevede che l’Italia e la Libia organizzeranno pattugliamenti marittimi con 6 unità navali cedute temporaneamente dall’Italia. I mezzi imbarcheranno equipaggi misti con personale libico e con personale di polizia italiano per l’attività di addestramento, di formazione, di assistenza e manutenzione dei mezzi.

 PATTUGLIAMENTI MISTI COSTE LIBICHE: Queste unità navali effettueranno le operazioni di controllo, di ricerca e
salvataggio nei luoghi di partenza e di transito delle imbarcazioni dedite al trasporti di immigrati clandestini, sia in acque territoriali libiche che internazionali.

L’Italia si impegna a cooperare con l’Unione Europea per la fornitura, con finanziamento a carico del bilancio comunitario, di un sistema di controllo per le frontiere terrestri e marittime libiche, al fine di fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione clandestina, da realizzare secondo le esigenze rappresentate dalla parte libica alla delegazione della missione Frontex.

DA ITALIA 6 UNITA’ NAVALI A LIBIA: L’Italia, inoltre, farà ogni sforzo perché si giunga nel più breve tempo possibile all’adozione dell’Accordo quadro fra l’Unione Europea e la Grande Giamahiria. Per l’esecuzione dell’attività di pattugliamento, il governo italiano si impegna a cedere temporaneamente alla Libia 6 unità navali della Guardia di Finanza, di cui 3 guardacoste classe "Bigliani" e 3 vedette classe "V.5000", per l’esecuzione di attività di pattugliamento.

AL VIA COMANDO OPERATIVO INTERFORZE: Per garantire una efficace direzione e coordinamento delle attività
addestrative ed operative di pattugliamento marittimo, Italia e Libia "hanno convenuto di istituire, presso una idonea struttura che sarà individuata a cura della Parte libica, per l’intera durata del Protocollo di Cooperazione, un Comando Operativo Interforze", con il compito di: disporre l’attuazione quotidiana delle crociere addestrative e di pattugliamento; individuare, nell’area di pattugliamento, zone di specifico approfondimento, sulla base degli elementi informativi nel frattempo acquisiti; raccogliere le informazioni operative acquisite dalle unità operative; impartire le direttive di servizio necessarie in caso di avvistamento e/o fermo di natanti con clandestini a bordo; svolgere compiti di punto di contatto con le omologhe strutture italiane. In tal senso, l’intesa firmata tra Italia e Libia prevede che il Comando avrà la "facoltà di richiedere l’intervento e/o l’ausilio delle unità navali italiane ordinariamente rischierate presso l’isola di Lampedusa per le attività antiimmigrazione".

Responsabile del menzionato Comando operativo interforze sarà "un qualificato rappresentante designato dalle autorità libiche, che si avvale di un vice comandante, designato dal Governo italiano, anche con compiti di consulenza in favore del comandate del Comando operativo interforze, oltre che di raccordo con le competenti strutture italiane". Al Centro è assegnato personale italiano con compiti di staff in favore del Vice Comandante.

LE CATTIVE ABITUDINI AL VOLANTE

Natale spericolato al volante – Record di multe e patenti ritirate

In cinque giorni oltre 17.000 automobilisti ‘beccati’ per eccesso di velocità. E poi ci sono il  mancato uso delle cinture di sicurezza e la guida in stato di ebbrezza: in totale sono state ritirate 831 patenti e decurtati 35.927 punti.

Le cattive abitudini degli italiani al volante, nonostante i ripetuti appelli alla prudenza, si confermano anche durante le feste natalizie. Secondo un’elaborazione dell’Aci su dati della polizia stradale, le infrazioni più multate nel ponte di Natale sono state l’eccesso di velocità, il mancato uso delle cinture di sicurezza e la guida in stato di ebbrezza. In totale sono state ritirate 831 patenti e decurtati 35.927 punti.

Da venerdì 21 a mercoledì 26 dicembre sono stati 17.374 gli automobilisti che hanno ricevuto una sanzione per superamento dei limiti di velocità sulle autostrade e sulle principali strade statali, 928 quelli multati per mancato uso delle cinture e 535 per guida sotto l’influenza di alcol. A questi numeri bisogna aggiungere 384 sanzioni per uso del telefono al volante e 30 verbali per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

I dati evidenziano come nei giorni di grande esodo si concentrino le infrazioni per velocità, cinture e telefono, mentre nei week-end quelle legate all’alcol e alle sostanze stupefacenti. I comportamenti scorretti, la distrazione e la mancata osservanza del codice della strada hanno causato in questi giorni, secondo i dati della Polstrada, 1.461 incidenti con 28 morti e 1.157 feriti. (da: Quotidiano.net)

NOTIZIA SCIENTIFICA SUGLI "SCARAFAGGI"

I primi scarafaggi 256 milioni di anni fa insieme ai dinosauri

Gli scarafaggi sarebbero arrivati sulla Terra nello stesso periodo dei primi dinosauri mostrando una capacità molto maggiore di sopravvivenza rispetto ai bestioni dell’era giurassica ormai estinti.

Secondo uno studio, compiuto dal professore Alfried Vogler dell’Imperial College di scaraf.stampaLondra e pubblicata dalla rivista americana “Science”, gli scarafaggi esistono da circa 300 milioni di anni e hanno quindi visto la luce molto prima ancora dei fiori che hanno invece incominciato a sbocciare durante il periodo cretaceo, 140 milioni di anni fa.

L’entomologo ha proposto la nuova datazione sulla base delle ricerche più avanzate su antichissimi fossili risalenti fino a 256 milioni di anni fa e analizzando in parallelo il dna di 1.880 specie di scarafaggi. Finora si credeva che gli scarafaggi (al giorno d’oggi se ne conoscono ben 350.000 specie distinte ma in tutto dovrebbero essere addirittura qualche milione) fossero spuntati assieme ai fiori dai quali avrebbero ricevuto sostentamento ma il professore dell’Imperial College è arrivato alla conclusione che i primi risalgono in realtà agli inizi dell’era giurassica.

«Il grande numero di specie di scarafaggi oggi esistente – ha sottolineato il prof. Vogler – è probabilmente il risultato diretto di una evoluzione antica e del fatto che c’è stato un altissimo tasso di sopravvivenza e una continua diversificazione».

A differenza dei dinosauri loro coetanei, spariti 65 milioni di anni fa, gli scarafaggi non hanno in effetti conosciuto battute d’arresto grazie ad un’eccezionale capacità di adattamento all’ambiente. Salvo le regioni polari sono praticamente ovunque.

ANCHE SE IL "BONUS SOCIALE" CONTERRA' I RINCARI

Il caro-petrolio fa volare i prezzi: la luce cresce del 3,8%, il gas +3,4% – 48 euro in più all’anno per famiglia.


Il caro petrolio "accende" i prezzi di luce e gas, vanificando i benefici della diminuzione delle tariffe di trasporto e distribuzione dell’energia elettrica, decisa dall’Autorità per il 2008-2011. I forti incrementi dei prezzi petroliferi (+55% in un anno) sono infatti la causa fondamentale dell’aumento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e le piccole imprese per il primo trimestre del 2008:boll-stampa energia elettrica + 3,8% e gas +3,4%.
La spesa annua cresce di 48 euro
Gli aumenti si traducono in una maggiore spesa di 32 euro su base annua per il gas e di 16 euro per l’energia elettrica. L’Autorità ha anche pubblicato le proposte per l’applicazione del "bonus" alle famiglie bisognose nell’ambito della riforma della tariffa sociale. Sui prezzi finali per i consumatori pesano molto le permanenti ed elevate quotazioni internazionali di petrolio e gas che l’Italia deve importare per oltre l’85% del suo fabbisogno energetico, un grado di dipendenza ben superiore alla media europea.
«Il "bonus sociale" conterrà i rincari»
«Dopo i primi nove mesi del 2007 con bollette in calo, è molto amaro dover registrare e comunicare gli ultimi aumenti, dovuti all’ondata internazionale del caro-petrolio; le sue impennate stanno frustrando i risultati positivi già ottenuti con le liberalizzazioni e la nostra azione che ha portato ad una riduzione delle tariffe dei servizi a rete e ad un contenimento degli oneri di sistema» ha sottolineato il Presidente dell’Autorità per l’Energia, Alessandro Ortis. «Di fatto – ha aggiunto Ortis – l’aumento sarebbe stato superiore se non fossimo riusciti a ridurre ulteriormente le componenti tariffarie per trasporto, distribuzione e misura. Va pure ricordato che renderemo operativo in pochi mesi il nuovo meccanismo deciso dal Governo per il "bonus sociale", teso a rendere meno onerose le bollette per le famiglie più bisognose, e che abbiamo richiesto ulteriori miglioramenti della qualità dei servizi».
I numeri dell’energia
In effetti, dopo nove mesi senza aumenti, il 2007 si è chiuso registrando un solo incremento trimestrale, quello dell’ottobre scorso (energia elettrica + 2,4%, gas + 2,8%). A gennaio 2007 le condizioni economiche erano rimaste invariate; ad aprile poi c’era stata una riduzione sia per l’elettricità (-0,4%) che per il gas (-3,4%); a luglio era rimasto invariato il prezzo dell’elettricità e diminuito dell’1,6% quello del gas. L’Autorità ha anche approvato ulteriori riduzioni nelle tariffe di trasporto, distribuzione e misura per il periodo 2008-2011 più vantaggiosi per i consumatori, garantendo allo stesso tempo agli operatori maggiori remunerazioni per lo sviluppo, nuovi investimenti e miglioramenti di qualità e sicurezza di sistema. Per il 2008, la riduzione nel complesso delle tariffe dei servizi e dei corrispettivi di vendita sarà pari all’1% circa. Per la fornitura di energia elettrica, sono state definite ’condizioni economichè che implicano per le famiglie un prezzo di 16,51 centesimi di euro per kilowattora, con un aumento per la fornitura tipo del 3,8% rispetto al precedente trimestre. Ciò comporta per la famiglia tipo con consumi medi (2.700 kilowattora all’anno) una maggiore spesa annuale di circa 16 euro, include le imposte.

 

E' ALLARME "BULLISMO"

 

Il fenomeno del bullismo è in crescita. Ma l’aspetto che più sorprende è che chi lo attua è considerato in gamba e degno di ammirazione.

Lo rivela una ricerca choc tra gli studenti. Di chi è la responsabilità?

 

È allarme bullismo. Tra gli adolescenti il fenomeno dilaga a macchia d’olio. C’è chi lo fa per non diventare a sua volta una vittima, chi lo fa pensando di sembrare "in gamba", chi per essere riconosciuto come leader del gruppo. Ma l’aspetto che più sorprende è il numero di coloro che assistono alle prepotenze ma, se la cosa non li riguarda personalmente, tacciono. Sono questi i risultati di una ricerca della Società italiana di pediatria. Le cifre sono eloquenti: il 72% degli adolescenti (il 75,6% dei maschi) dichiara di aver assistito a prepotenze subite da un amico o da un’amica e che il 18,5% dei maschi dice che ciò capita spesso. Il dato è in costante crescita rispetto al 65,8% del 2005 e al 71,6% del 2006. Il fenomeno si inserisce in un più ampio contesto. Bullismo non solo contro persone ma anche contro beni. Come riporta Bluenauta nel suo blog la cronaca è piena di questi episodi. Basti pensare quanto è successo recentemente a Ferrara: giovani hanno effettuato "un vero raid vandalico. Hanno filmato coi cellulari l’incendio della loro scuola di Ferrara, riprendendosi a vicenda per poi mettere il video su internet. A fuoco classi e registri. Tre ragazzini sono stati denunciati. Erano nascosti nel bagno dell’istituto".Ma come scrive giustamente Tuttorimini "non c’è soltanto il bullismo scolastico, ma pure quello degli adulti over 40 ed over 50. Un bullismo da capelli grigi, da gente che si presenta apparentemente ‘per bene’ E che invece è molto lontana dall’immagine che essa diffonde attorno a sé". (Libero News) Bullismo a scuola

DALL'UFFICIO TURISTICO COMPRENSORIALE

Eventi in Valtiberina Toscana

           31 dicembre- 7 gennaio

                                      

                                          Concerti

 

Sansepolcro

Notte di Capodanno in Piazza 31 dicembre

Dalle ore 23 “ IMPAZZA LA PIAZZA”

Musica per tutti , divertimento e brindisi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Dj set con Alex Master dj

Piazza Torre di Berta – ingresso libero.

 

Varie

 

Monterchi

Martedì1, domenica 6 gennaio

 Chiesa di Santa Maria della Pace, località Le Ville, ore 17,15

Presepe vivente

A cura dell’Associazione “Venite Adoremus

Info: 320/4471945

 

 Mostre

 

Anghiari

fino al 6 gennaio

Expo’ ven-sab-dom 10-12.30 e 16-19.30

I Lorena e la Toscana. Mostra fotografica dall’album di famiglia

Info: 0575/749279

 

Sansepolcro

dall’8 dicembre al 10 gennaio

Galleria d’Arte “La Loggia”

Mostra di pittura Transitare nei miei percorsi, di Marco Calabrese

 

 

 

Sansepolcro

dal 16 dicembre al 28 febbraio

Centro Convegni F. Borchiellini Ex Area Buitoni martedì-venerdi 15-20 sabato e domenica 10-13 e 15-20

Cherubino Alberti, la luce incisa

Info: 0575/740222

 

Sansepolcro

dal 24 dicembre al 6 gennaio

Oratorio Madonna delle Grazie, Sala Espositiva di Palazzo Pretorio

Feriali 10,30-12,30 e 17,30-19,30

Festivi 10,30-13,00 e 16,30-19,30

Collettiva d’Arte Varia

 

 

 

APERTE LE ISCRIZIONI AL CLASSIC WORKSHOP 08

Sono aperte le iscrizione al Classic workshop 08 seminari di musica classica per flauto e chitarra con i maestri Claudia Giottoli (Flauto) e Claudio Piastra (Chitarra) i seminari si teranno presso la scuola Novamusica a Città di castello dal 3 al 5 gennaio 2008.
Seguiranno concerti il 2 gennaio presso l’auditorium di S.Antonio a citta di castello con gli Alvarez Guitar Trio ore 21.00.
Il 4 gennaio con concerto di Claudio Piastra e Claudia Giottoli presso sala Gotica del Museo del duomo di Città di Castello ore 21.00.
Il 5 gennaio concerto finale degli allievi presso Auditorium S.Antonio ore 18.30.
per info http://www.novamusica.umbria.it 0758522599

IL CANCRO FORMATO NAPOLI

http://www.praticomondo.net/Picaday/frontal/video-blog-per-napoli.html

EFFETTO SERRA O EFFETTO FREDDO?

Deve aver rotto i vetri della serra
la tramontana ed anche i cotali
a quelli che sostengon che la Terra
va incontro a tutti i peggiori mali:
diventarà cioè un gran deserto
e noi vivremo nudi a cielo aperto,
senza neppur qualche foglia di fico
per nascondere un po’ quel che non dico.

 

Il freddo che imperversa anche quest’anno
non fa capire ancora a quei sapienti
che è questo l’effetto che fa danno -,
non il calor se cresce – a noi utenti
di quelle compagnie metanifere,
le cui bollette son così pestifere
che pur se le benediciamo sette
volte sette, non calano d’un ette.

CONFERENZE INVERNALI DEL CESQ

Centri… culturali, inverno 2007/08 eventi culturali del Centro Studi sul Quaternario onlus  www.cesq.it, sede del CeSQ,  via Nuova dell’Ammazzatoio 7, Sansepolcro (AR).

E’ possibile consultare il riassunto di tutte le conferenze su www.cesq.it

 

04 gennaio 2008, ore 17.00 – dr.ssa Silvia Cresti (Univ Perugia): “Elementi geomorfologici nel territorio della diga di Montedoglio”. TESI Scienze MFN (v.o.), Univ Perugia, a.a. 2002-2003 – introduce la prof.ssa Angela Baldanza (Dpt di Sc della Terra, Univ Perugia)Silvia Cresti si è laureata nel 2003 in Scienze Naturali (indirizzo: Conservazione della natura e delle sue risorse – v.o.) presso l’Università degli Studi di Perugia, con la tesi sperimentale che viene qui presentata – relatrice la prof.ssa Lucilia Gregori. Attualmente collabora con l’Ente Irriguo Umbro-Toscano di Arezzo.

 

8 gennaio 2008, ore 17.00 – dr.ssa Marta Paceschi (Univ Perugia): “Modello apprendimento-insegnamento: la storia del genere Homo – Learn-teach model: preconceived ideas and incorrect concepts. The example of the Genus Homo history”. Tesi Scienze MFN, Univ Perugia, a.a. 2006-2007Marta Paceschi si è laureata nel 2007 in Scienze Naturali (Indirizzo: Analisi sistemica, monitoraggio e tutela di realtà naturali complesse)  presso l’Università degli Studi di Perugia con una tesi sperimentale (qui presentata) in Laboratorio di Didattica di Scienze della Terra, relatrice la prof.ssa Angela Baldanza. Attualmente frequenta il Biennio di laurea specialistica in Scienze della Natura e dell’Ambiente presso l’Università degli Studi di Perugia. – Indirizzata ad un pubblico scolare ma sopratutto ai docenti di Scienze. La tesi ha portato alla creazione di un CD didattico pronto per una fruizione a docenti e studenti. Il CD sarà presentato durante la conferenza. 

  

9 gennaio 2008, ore 17.00 – Gianpiero Laurenzi (Gruppo Ricerche Archeologiche Sansepolcro): "Nuove acquisizioni sull’Età del Bronzo in Valtiberina. La  campagna di scavo 2007 al Gorgo del Ciliegio” (conferenze per l’Università dell’Età Libera)

10 gennaio 2008, ore 17.00 – Gianpiero Laurenzi (Gruppo Ricerche Archeologiche Sansepolcro): "Biturgia no, ma……"  (conferenze per l’Università dell’Età Libera)

  

11 gennaio 2008, ore 17.00 – dr Roberto Bizzarri (Univ Perugia): “Paleogeografia delle coste marine Plio-Pleistoceniche nell’Umbria Occidentale”

Laureato in Scienze Geologiche all’Univ di Perugia, ha terminato il dottorato di ricerca in Scienze della Terra presso la stessa università nell’a.a. 2005-06.  E’ autore o co-autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche italiane e straniere incentrate su due tematiche principali: 1) rilevamento e cartografia, analisi sedimentologica e stratigrafica e ricostruzione paleoambientale e paleogeografica dei depositi marino-costieri e continentali plio-pleistocenici dell’Umbria occidentale e del Bacino Tiberino; 2) rapporti tra geologia, variazioni climatiche, modificazione del paesaggio, attività antropiche ed eredità culturale.

NOTUBO: COSTITUITO L'UFFICIO LEGALE

Giovedì 20 dicembre scorso si è riunito ad Apecchio il Comitato No Tubo assieme a numerosi proprietari terrieri di Apecchio, Borgo Pace, Mercatello sul Metauro e Pietralunga, interessati dal passaggio del gasdotto Brindisi-Minerbio e ad un gruppo di quattro legali esperti in diritto dell’ambiente ed azioni risarcitorie. La riunione era finalizzata alla formalizzazione dell’incarico  all’Ufficio Tecnico Legale del Comitato (cui sono state consegnate le deleghe dei proprietari di fondi, aziende e cittadini), formato da un gruppo di avvocati sia Marchigiani che Umbri.

L’ufficio ha l’incarico di curare gli interessi  patrimoniali e personali di proprietari, aziende e cittadini vista, tra l’altro, la forte preoccupazione  di vedere i propri beni notevolmente svalutati dal passaggio di “quest’ opera”.

 Infatti da una prima valutazione eseguita da uno Studio Tecnico incaricato dal Comitato e dai proprietari, i beni nei territori interessati, vista la loro integrità ambientale, rischiano di subire un danno assai maggiore rispetto a zone già interessate da altre infrastrutture. Si sono uniti all’azione anche cittadini privi di interessi diretti, che hanno però percepito nella costruzione del mega – gasdotto, un danno esistenziale, oltrechè immediato e materiale, anche a causa  di una generalizzata disinformazione, che ha fin qui impedito a molti di comprendere la portata dell’opera, l’intensità e l’ estensione dell’impatto e le sua conseguenze ambientali ed economiche, tali da stravolgere in modo irrecuperabile il territorio, azzerando la sua vocazione turistica.

 A breve verranno tenute altre riunioni a Pietralunga, Gubbio, Borgo Pace e Mercatello, per raccogliere ulteriori adesioni e fornire un servizio di informazione ai cittadini.

Distinti saluti

Comitato No Tubo 

Apecchio – Borgo Pace – Città di Castello – Gubbio – Mercatello sul  Metauro – Pietralunga – Alta Valmarecchia

comitatonotubo.cdc@yahoo.it 

 http://www.comitatonotubo.it

info: Emanuela Conti – 3295489679

PRIMA E DOPO…

PRIMA DELLE NOZZE:
Lei: Ciao!
Lui: Finalmente! Da quanto tempo aspettavo questo momento!
Lei: Vuoi che vada via?
Lui: NO! Come ti viene in mente? Solo a pensarci, rabbrividisco!
Lei: Mi ami?
Lui: Certamente! A tutte le ore del giorno e della notte!
Lei: Mi hai mai tradito?
Lui: NO! MAI! perche’ me lo chiedi?
Lei: Vuoi baciarmi?
Lui: Sì, ogni volta che ne ho l’occasione!
Lei: Saresti mai capace di picchiarmi?
Lui: Sei impazzita? Lo sai come sono io!
Lei: Posso fidarmi di te?
Lui: Si’!
Lei: Tesoro …

SETTE ANNI DOPO LE NOZZE:
Basta leggere il testo dal basso in alto

if (navigator.appName.indexOf(“MSIE”) != -1) document.write(“

“);

Navigazione articolo