Archivio del Fendente

2007-2011

Archivi per il mese di “luglio, 2009”

La sola voce di “Viva Sansepolcro” ostile, a Marzi presidente

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Comunicato della lista civica “Viva Sansepolcro”

 Con il Marzi bis a presidente della CM  mai c´è sta nella storia politica della Valtiberina elezione più immeritata, non solo per gli scadenti risultati di tre anni di gestione amministrativa dell´Ente Montano, ma per la responsabilità politica nell´aver tradito le attese e le speranze che molti cittadini che, al di là del loro pensiero politico, avevano dato il voto per un radicale cambiamento amministrativo ad una coalizione che si caratterizzava fortemente come civica per la presenza di più culture politiche.

Marzi è stato la mente e il regista occulto di un´operazione per liquidare le liste civiche e connotare l´amministrazione in "centrodestra", i risultati a Sansepolcro sono sotto gli occhi di tutti e all´incapacità amministrativa si somma l´arroganza politica.

Che i Comuni del centrodestra hanno voluto riconfermare la candidatura di Marzi pone diversi interrogativi sulla loro reale consistenza culturale e politica, non so se consapevoli del rischio che possano a loro volta essere travolti dalla débacle del centrodestra biturgense.

Ferdinando Mancini

Iniziato “Kilowatt Festival”

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

BUONA LA PRIMA, IN SCENA GLI SPETTACOLI SCELTI DAL PUBBLICO

 

Bella partenza per la prima serata del Kilowatt Festival con gli spettacoli dei Visionari, quelli scelti dal pubblico. Sul palco del Tedamis, location principale nel comune di Sansepolcro si sono esibite tre compagnie delle sei presenti nell’esclusiva selezione.

Tutti e tre gli spettacoli rappresentano il lavoro delle giovani compagnie del panorama nazionale: Vincenzo Schino, Manifattura Scalza e Caterina Moroni.

In città , fino a domenica anche i Fiancheggiatori: critici, giornalisti ed operatori di settore che insieme alle compagnie ed ai Visionari, hanno iniziato l’attività di discussione e valutazione rispetto alle rappresentazioni scelte in precedenza dai “non addetti ai lavori”.

 Proseguono gli appuntamenti a partire dalle 21.15 I Termini con Interno Abbado prodotto ispirato dalla sequenza finale di Psyco di Alfred Hitchcock in cui il protagonista assume le sembianze della madre, uno spaccato giocato sul paradosso, sul grottesco; ancora Caterina Moroni con Semenza un’altra performance della stessa autrice e attrice già presente ieri con una davvero insolita dimostrazione artistica che indirizza l’osservatore nella direzione di una forma piccola, estremamente misurata verso cui si muove lo spettatore, accompagnato da un soffio che lo guida. A seguire Quotidiana.com con una Tragedia tutta esteriore, una drammaturgia d’indagine e analisi che sembra un gioco ma dove non c’è nessuna norma che regola, questo crea divertimento e sregolatezza.

Ora il Festival si sposterà ad Anghiari per due spettacoli particolarissimi: uno all’interno di un pulmino ed uno dentro ad un caravan presso il i parcheggi sotto le mura.

 

Una mozione per il prossimo consiglio regionale

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Expert chiude e lascia a casa 40 lavoratori, Benedetti e Cellai (An-Pdl):

«La giunta attivi un tavolo tra le parti

per scongiurare un nuovo impoverimento occupazionale in Toscana»

 

Il capogruppo di An-Pdl pronto a presentare una mozione

da discutere nel prossimo consiglio regionale

 

Siena, Arezzo, Prato ma soprattutto Firenze: queste sono le province toccate dalla chiusura di 10 negozi di elettronica Expert, e 40 sono i lavoratori toscani già non pagati da maggio e che adesso rischiano di rimanere a casa. Senza ammortizzatori sociali, per di più, a meno che l’azienda non si convinca a sedersi a un tavolo con le parti sociali per individuare percorsi più morbidi di cessazione dell’attività.

Per convincere la proprietà, il Presidente di Alleanza Nazionale nel Pdl in Regione Toscana Roberto Benedetti è pronto a interessare la Regione, e pensa di farlo attraverso una mozione da discutere già nel prossimo consiglio regionale e mirata a impegnare la giunta regionale nell’attivazione di un tavolo tra le parti in causa, magari ponendosi nel ruolo di garante. E ad affiancare subito Benedetti arriva il Vicecapogruppo Marco Cellai, particolarmente impressionato dalle forti ripercussioni che la vertenza si appresta ad avere soprattutto sulla provincia di Firenze che vede a rischio chiusura ben 7 dei 10 negozi interessati: «Gli esercizi colpiti si collocano da Calenzano fino al centro del capoluogo – spiega – e questo significa un impoverimento occupazionale pesante e diffuso per Firenze, già gravata da altri focolai di crisi».

Più complicata si fa poi la situazione Expert poiché la catena di elettronica che gestisce i punti vendita ex Imperial, rilevati nel 2005 dalla romana Eurosintesi Srl, non aveva fino a poco tempo fa mai dato comunicazioni circa le sue intenzioni di chiudere l’attività. Semplicemente, di punto in bianco sono cominciati a mancare gli stipendi e, di lì a poco, è arrivato il commissario liquidatore. Infine, la disdetta degli affitti: «E’ barbaro l’atteggiamento aziendale di non coinvolgere i dipendenti nel processo di chiusura – osservano Benedetti e Cellai – quanto meno a livello informativo, e all’interno di un tavolo di trattativa teso ad attutire l’urto provocato dalle scelte aziendali. Per questo chiediamo che la Regione se ne occupi al più presto, così da individuare percorsi e modalità, una sorta di exit strategy che scongiuri il brutale, ennesimo impoverimento occupazionale di Firenze e di tutta la Toscana».

 

Molti cittadini sono con il “Fendente” sull’argomento ‘Sanità‘

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Ha ragione da vendere il Direttore del Fendente nel suo commento quando afferma che se avevamo ancora l’ospedale, quello con tutti i reparti, molti dei casi spiacevoli di malasanità che, ahinoi, registriamo sul nostro nosocomio non sarebbero successi.

Avevamo una struttura che era invidiata da molti, è stata distrutta dalle scelte di politica sanitaria regionale e della ASL8, ma prima di tutto dalla insipienza dei nostri politici locali, senza distinzione tra maggioranze e minoranze, sempre pronti ad ogni compromesso pur di galleggiare.

Il caso ricordato dal Direttore G. Dente nel commento n. 4, quando ricorda a tutti noi dell’assenza del consigliere provinciale Riccardo Marzi assieme al suo gruppo provinciale di AN alla discussione e votazione su una mozione in difesa delle guardie mediche in Valtiberina che la Regione Toscana stava tagliando, mozione che era stata presentata dallo stesso Riccardo Marzi, la dice lunga su come la intendono i nostri politici locali.

Il risultato di quest’azione lo conosciamo, le guardie mediche sono state drasticamente tagliate tra le molte “lagrime di coccodrillo” degli amministratori e politici locali.

Intanto mentre noi lamentiamo disservizi e situazioni spiacevoli di malasanità, in Casentino, l’altra realtà montana della provincia di Arezzo, l’ospedale c’è con tutti quei servizi che a noi sono stati tolti; pensare che fino a quando esistevamo come nosocomio, nella sua interezza, molti dei servizi sanitari dell’ospedale del Casentino dipendevano dal responsabile dell’ospedale di Sansepolcro.

Grazie politici per questo bel risultato!

Grazie Sindaco per le catene che hai utilizzato per difendere il nostro ospedale!

Ai miei concittadini dico: iniziamo a volerci bene e mandiamo a casa questi amministratori double-face.

Se continueremo a premiarli, magari facendogli fare il bis come Presidente della CM o come Sindaco, hanno ragione loro ad offendere la nostra intelligenza e a calpestare la nostra dignità di cittadini. Se i conosci li eviti.
G Podrecca

 

Monterchi Festival, concorso di pittura estemporanea

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

PITTORI IN PIAZZA A MONTERCHIGASPERINI SI AGGIUDICA IL PRIMO PREMIO ALL’ESTEMPORANEA DI MONTERCHI

Grande successo del 3° Concorso di pittura estemporanea “Città di Monterchi”, svoltosi Domenica 12 luglio.

Numerosi pittori si sono cimentati per l’intera giornata nella realizzazione di un’opera ispirata al tema del concorso “Paesaggi di Piero” e con le loro opere hanno abbellito Piazza Umberto I fino dalla mattina.

Organizzato da Luca Fiorini, curatore degli eventi d’arte visiva di Monterchi Festival, il concorso ha visto quest’anno vincitore Giuseppe Gasperini, artista informale che riesce ad emozionare rappresentando sulle superfici quasi magmatiche delle sue opere, le ansie, le tensioni emotive ed esistenziali dell’animo umano.

La giuria, composta dall’Assessore alla Cultura di Monterchi Maria Cristina Polcri, dal Direttore artistico del Festival Lorenzo Rossi, da Luca Fiorini e dai critici ed esperti d’arte Tommaso Baldi e Claudio Francini, ha ritenuto di premiare Gasperini perché, a partire dalla apertura della veste della Madonna del Parto, è riuscito in maniera perfettamente aderente al tema e nel suo stile concettualmente informale, a realizzare un quadro dalla notevole eleganza compositiva.

Secondo classificato Samuel Petrucci, artista livornese che ha realizzato un paesaggio valtiberino con tecnica materica e molto dinamica.

Terzo classificato Francesco Panerai, che si è posto in maniera moderna di fronte al tema del concorso, con un’opera molto interessante dal punto di vista compositivo e ricco di materia.

La Giuria ha poi assegnato un Premio Speciale a Daniela Refoni che ha realizzato un bellissimo paesaggio di Monterchi, rivisitato in maniera interessante dal punto di vista personale.

L’artista Refoni sarà in mostra presso il Museo della Madonna del Parto fino al 21 luglio prossimo, mentre Gasperini esporrà le proprie opere, sempre al Museo, dal 23 agosto per un mese.

La serata, all’insegna del connubio tra Pittura e Musica che caratterizza Monterchi Festival, si è splendidamente conclusa con il primo degli eventi musicali della rassegna Jazzout, sostenuta dall’enoteca “Al Travato”: una emozionante esibizione della cantante Titta Nesti e la sua band che hanno avvolto con ritmi jazz ed atmosfere brasiliane, i pittori ed il pubblico presente, rendendo veramente magica una giornata da non dimenticare.

Ecco una lettera di un lettore molto avvilito

#4   04 Luglio 2009 – 11:49
 
 
Caro Gino al tuo articolo “Voci del Palazzo”, ti avevo inviato la nota che di seguito ti ripropongo con l’intento di sensibilizzare l’amministrazione, operazione vana, per chi dell’amministrazione è preposto al controllo e al rispetto delle leggi e le disposizioni comunali ma oltre a ciò, qui tutto è vano e ormai si sta toccando l’inadempienza amministrativa che se recidiva è reato, oltre alle tante ordinanze beffa che da allora ad oggi hanno traboccato la decenza e offendono i cittadini. Quanto di seguito che ti rinnovo con preghiera di volerla inserire nel tuo Fendente, unico giornale libero e indipendente rimasto visto che tutti gli altri “giornalisti locali, ben si guardano da scrivere o riportare articoli di terzi che attaccono quell’assessore, sindaco o consigliere di questa amministrazione, e intendi chi ti scrive è un suo ex elettore offeso ed indignato per tutti i soprusi che stanno commentendo contro i cittadini. E’ pensare che hanno carpito il voto di tanti ignari e onesti concittadini con l’impegno di essere vicini alla gente e ai loro bisogni. Questi sono vicini solo ai loro amici, agli amici dell’ex sindaco che per questo loro privilegio si permettono di prevaricare su tutti e su tutto compreso le leggi scritte e quando queste nocino agli interessi “degli amici” le si cancellano, vedi ordinanza 144. Ma oltre a ciò per cancellare le prove dello sconcio del venerdì sera si toglie la spazzatura di alcune strade del centro per pulire via Mazzini e altre due strade adiacenti. Ottima cosa, ma per far fare i cavoli loro a certi “amici” è giusto che paghi la collettività e si tolgono i servizi di spazzatura da altre strade del centro storico?
Ieri sera ho visto all’opera i vigili credo sguinzagliati fino alle ore 24,00 ma anche loro, poveri cristi, si tenevano, giustamente, ben lontani dalla zona scandalo , ormai tristemente nota come “triangolo delle Bermude”, dove ogni azione di buon senso cozza e perisce contro un muro di omertà e inadempienza di questa amministrazione.

#7 21 Giugno 2009 – 09:27

A proposito di provvedimenti emanati con occhi foderati di prosciutto (tagliato grosso) :
Nel sito del Comune di Sansepolcro al titolo ORDINANZE ,si puo’ leggere la n° 93 del 16-06-2009 avente per oggetto -Rimozione di insegna angolo Via Giovanni Buitoni-
Si CONTESTA un innocente e quasi invisibile cartello delle dimensioni di circa cm50x50.
Contestualmente In Via Mazzini ,sopra il Carpe Diem Pub resistono indisturbati :
-Una unità esterna relativa al climatizzatore ( dimensioni ca 1mx1m)
-Una enorme insegna in legno a bandiera che arriva quasi in mezzo alla strada .
-Una insegna a bandiera tra la Spizzicheria e il Pub (di dimensioni simili a quella "castigata" dall’ordinanza n° 93 )
-Tende rosse invece che di tinte chiare come prescritto dai regolamenti di opere di arredo urbano.
VIENE DA CHIEDERSI :
A)-Il regolamento comunale dell’arredo urbano concede autorizzazioni di merito al baccano di ogni attivita’ ? ?
B)-Il personale preposto al controllo è a conoscenza esatta dell’ubicazione di detta via Giuseppe Mazzini di Codesto Comune
C)-Il Vicesindaco,e l’assessore Talpa per paura di inciampare ,guarderanno solo per terra senza alzare gli occhi in alto timorosi dei raggi del sole ? ?
D)-Alla Corpo di Polizia Municipale ,sarà chiaro il concetto di PRIORITA’ in base alla dimensione dell’abuso ancorchè a quelli delle meno significanti alterazioni al decoro architettonico definite inderogabili e urgenti nella Ordinanza n° 93 ? ?.
Ho sempre chiaro che la testa non serve per appoggiarvi il cappello,l’elmetto o la papalina oppure peggio. per tenere distanti le orecchie.

F A T E L A F I N I T A D I N A S C O N D E R V I D I E T R O L A V O S T R A S T E S S A O M B R A . ! !

Monterchi Festival

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Al via anche quest’anno la serie di mostre ed il concorso di pittura che accompagnano i tradizionali concerti del Monterchi Festival.

Nel cartellone generoso di eventi musicali di livello, si fanno notare i nomi degli artisti che arricchiranno l’offerta culturale del Festival con le esposizioni in programma presso il Museo della Madonna del Parto.

Apre la rassegna di pittura Giuseppe Gasperini in mostra dal 28 giugno al 7 luglio, con inaugurazione la sera di mercoledì 1 luglio alle ore 21. Artista informale riesce ad emozionare rappresentando sulle superfici quasi magmatiche delle sue opere, le ansie, le tensioni emotive ed esistenziali dell’animo umano.

A seguire Daniela Refoni, artista figurativa che, con poetica originalità, conduce ad esplorare se stessi attraverso la rappresentazione di grandi corolle di fiori che sembrano trasportarti dolcemente fino al loro interno. In mostra dal 8 al 21 luglio.

Pittore poliedrico Lorenzo Donati, presente con le sue opere dal 22 luglio al 4 agosto, artista capace di alternare visioni quasi fiabesche di “aiuole” verdi, ricche di sensualità e di profumi, a paesaggi filtrati e reinterpretati in modo quasi onirico, a scorci di città frammentate in un caleidoscopio di colori.

Cristiano di Martino, artista di soli vent’anni, esporrà dal 5 al 18 agosto alcune opere grafiche e dipinti, sorprendendo chi verrà a visitarne la mostra, per la sua maturità espressiva e per la capacità di cogliere l’anima di chi ritrae, fondendo in essa la propria.

Concluderà la rassegna il vincitore del Concorso di Pittura Estemporanea che si terrà a Monterchi domenica 12 luglio: altra occasione da non perdere per gli amanti dell’arte perché sarà possibile vedere gli artisti all’opera per le vie ed i dintorni del pittoresco borgo alto tiberino e le loro opere esposte a cornice del concerto delle 21 in Piazza Umberto I.

Per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi al curatore degli eventi d’arte visiva del Festival

Luca Fiorini   presso   Mastro Artista –Belle Arti    Via Benedetto Varchi, 73 – 52100 Arezzo

Tel. 0575 294110       338 3269984      e-mail   info@mastroartista.it              

Navigazione articolo