Archivio del Fendente

2007-2011

Sansepolcro: quali misure antisimiche sugli edifici scolastici ?

Forse la tragedia della scuola che, crollando col terremoto del Molise, ha sepolto bambini e insegnanti deve farci ancora  riflettere per  trarne i dovuti insegnamenti? O forse, invece, è sempre troppo tardi per riflettere e impararne le lezioni?Tutti piansero per quei bambini che rimasero sotto le macerie: i vigili del fuoco, i cronisti, gli esperti; i potenti si  vergognarono, il pubblico davanti alla televisione rimase inebetito.

Il pianto per un momento  umanizzò tutti di fronte ai Piccoli Angeli che vedevano salire in cielo.

Era  il 31 ottobre 2002, quel terremoto dell’8° grado della scala Mercalli fece tremare il Molise. La zona più colpita fu San Giuliano di Puglia, uno dei 136 comuni della Regione, a 60 km da Campobasso, 1.210 abitanti.

In tutta la zona, crolla un solo edificio, la scuola: l’istituto “Francesco Jovine”. Sotto le macerie restano intrappolati 56 bambini, 4 maestre e 2 bidelle. 

Il bilancio definitivo delle vittime è tragico: 27 bambini e una maestra, oltre a 35 feriti, molti dei quali con lesioni permanenti.

Poi ? Dopo quel massacro annunciato per come erano strutturati certi edifici: non adeguatamente antisismici, molti amministratori hanno preso a cuore simili situazioni di pericolo e sono corsi ai ripari.

Ad Anghiari il sindaco Danilo Bianchi, fin dal primo giorno del suo insediamento ha fatto si che tutti gli edifici scolastici e gli asili della sua cittadina fossero a norma “antisismica”.

La notizia già pubblicata qualche giorno fa della Scuola Materna intitolata ai “Piccoli Angeli di San Giuliano” che oggi viene, nella cittadina anghiarese inaugurata, ha fatto si che  molti cittadini della vicina Sansepolcro ci abbiano scritto chiedendoci di conoscere la situazione edifici scolastici nella loro cittadina, ancora, a loro dire sconosciuta.

La Redazione del “Fendente” non può che fare queste considerazioni :

-Se la Collodi è stata evacuata per inagibilità sismica c’è da ipotizzare (ed abbiamo motivo di credere con certezza che sia così) che anche le altre strutture scolastiche prossime alla Collodi siano nelle stesse condizioni..

-Peraltro sappiamo, senza pericolo di smentita, che questo anno la Provincia ha cercato, interpellando il Comune, una sede alternativa dove spostare gli studenti al fine di permettere i lavori di “adeguamento sismico”; ma la sede  non è stata trovata ed i lavori sono stati rimandati, ed i ragazzi sono tutti lì, vero signor Sindaco Polcri ?

-Nel “Nuovo Corriere Aretino” del 13.09.2010, il primo cittadino di Sansepolcro afferma che: “……. oggi come ieri siamo sensibili alle esigenze delle diverse componenti della scuola e siamo impegnati per risolvere le problematiche che interessano le sedi adibite ad attività didattica …..”

-A questo punto vorremmo capire, ce lo spieghi e lo dimostri prof. Polcri, se questa sensibilità è rivolta alle sole sedi di proprietà del Comune o anche della Provincia.

-Se si tratta solo delle sedi del Comune allora dovrebbe, sempre il signor Sindaco, farci capire come stia procedendo l’iter per la progettazione e realizzazione della nuova scuola elementare dove dovevano andare i ragazzi di S.ta Chiara poiché la De Amicis, nonostante tutti i lavori che verranno fatti, sarà solo migliorata antisismicamente e non adeguata antisismicamente e pensiamo che ciò non vada bene per inserirci una scuola.

-Invece i lavori sulla sede originaria della Collodi sono interventi di adeguamento sismico e questi permetteranno il rientro dei ragazzi (al momento spostati temporaneamente presso la Buonarroti)

-Se invece si tratta di tutte le sedi (magari in partecipazione con la Provincia per le sedi delle scuole superiori) allora, a tempo debito vorremmo capire cosa hanno fatto l’Assessore alla Pubblica Istruzione (con delega all’edilizia scolastica) ed il Sindaco dinanzi ad una situazione così grave. 

A questo punto non possiamo che augurarci che gli amministratori della città “biturgense” si adeguino come è già stato fatto, in modo sollecito, dagli amministratori di Anghiari.

Ci auguriamo anche che i genitori che in quella città hanno i figli a scuola: vadano a chiedere in Palazzo delle Laudi come stanno realmente le cose.

Per parte nostra, per  chi di dovere, pubblichiamo la seguente tabella:

Finanziamenti per interventi di prevenzione e riduzione del rischio sismico su edifici pubblici e strategici  

 
 

contributi statali


 
  Patrimonio edilizio scolastico
   Legge 289/2002
Relazione sullo stato di avanzamento al 30.06.2010 del 1° e 2° Piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, >>
  Legge 23/1996
“Norme per l’edilizia scolastica”
 
Ordinanza PCM 3864/10
Bando per la selezione di interventi su edifici scolastici pubblici >>

Ordinanza PCM 3728/08
Ordinanza PCM 3505/06
Ordinanza PCM 3362/04

  Contributi ed agevolazioni per la riparazione degli edifici in zona sismica (Legge 449/97)
 

contributi regionali


 
Legge Regionale 69/2008
“Legge finanziaria per l’anno 2009”
Art. 7 “Contributi straordinari per la ricostruzione di edifici scolastici inagibili” >>
Legge Regionale 70/2005
“Legge finanziaria per l’anno 2006”
Art. 34 “Interventi per il sostegno degli enti locali nel settore dell’edilizia scolastica” >>
 

contributi Unione Europea


 
  Fondi strutturali UE (2007-2013)
Interventi su edifici pubblici e scolastici
   
  Finanziamenti per interventi di riparazione a seguito di eventi sismici

 
  Attività di riparazione dei danni nei territori colpiti da eventi sismici
Lunigiana (10.10.95)
Valtiberina (26.09.97)
Amiata (26.03.97 e 1.04.00)
Provincia di Arezzo (26.11.01)
Provincia di Firenze (14.09.03)
    Scheda di 1° livello rilevamento agibilità e danni
a seguito di eventi sismici (AeDES 06/2008)
   
     

Il presidente della Regione, facendo il punto della situazione sulla stato dell’edilizia scolastica Toscana, ha detto che:

Nel 2009 sono stati stanziati 19 milioni, di cui 10 già assegnati, che hanno attivato interventi di messa in sicurezza in 51 scuole”.

La  Redazione

gd

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: