Archivio del Fendente

2007-2011

Ospedale di zona: arrivato il nuovo atteso ortopedico

VALTIBERINA – Dopo circa un anno di attesa, l’appello del responsabile e la speranza mai abbandonata la sezione di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di zona della Valtiberina toscana, annovera finalmente (dal 16 Dicembre scorso) un nuovo giovane ortopedico di ruolo. Dopo l’improvvisa riduzione di organico avvenuta lo scorso febbraio (lo staff degli ortopedici si era ridotto da quattro a tre unità, in quanto il dottor Michele Baggiani in servizio a Sansepolcro dal 2003 si era trasferito a Cecina sua città natale) finalmente il prestigioso reparto sembra ripartirà a gonfie vele.

La sezione di Ortopedia e Tramautologia diretta dal Dottor Francesco Giani sarà così composta (oltre che dal responsabile e dagli altri due specialisti ormai veterani: i dottori Cesare Villani e Francesco Romeo) anche da una nuova figura professionale. Si tratta del dottor Fabrizio Troisi, napoletano, 34 anni proveniente dall’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli, dove si è specializzato dopo la laurea. In seguito ha vinto il concorso indetto dalla ASL di Siena per ricoprire un posto di ruolo come chirurgo ortopedico. “Sono molto felice di essere stato assegnato in Valtiberina – ha riferito – potevo scegliere tra Grosseto ed Arezzo, ma ho preferito indubbiamente  questa zona”. A quanto pare sembra sia stato determinante  il viaggio che il medico ha fatto da queste parti, tempo addietro, assieme a moglie e figlio, proprio per visitare e conoscere questi luoghi. “Ci siamo innamorati di questi incantevoli posti – dice il dottor Troisi che sta cercando casa per stabilirsi definitivamente – cosi abbiamo deciso di restare qui per lavorare e vivere”.

Si era parlato di un suo arrivo prima dell’estate “il problema è che non ci sono ortopedici nel mercato e la richiesta supera l’offerta – aveva dichiarato il responsabile Giani –  ma la determinazione e la vitalità conclamata di un reparto ha avuto la meglio. Il lavoro per gli ortopedici dell’Ospedale di zona è da tempo infatti in forte aumento. Un reparto che è da tempo un esempio di eccellenza a livello regionale (sempre più specializzato in chirurgia protesica, anca e ginocchio, con un aumento del 30% dal 2009) e indiscutibilmente la vera punta di diamante dell’Ospedale della Valtiberina, il tutto reso possibile grazie a competenza, serietà e dedizione dell’intero staff medico.

Operando con quattro unità funzionali tutto procedeva perfettamente (era garantita almeno a rotazione la presenza nel reparto di un ortopedico per circa dodici ore giornaliere, più reperibilità e chiamate notturne), ma nello scorso anno, essendo rimasti solo tre medici a lungo andare si erano, in qualche modo, creati dei piccoli disservizi.

Negli ultimi mesi (almeno per due pomeriggi la settimana) lo staff però era stato supportato da ortopedici provenenti dall’Ospedale San Donato di Arezzo. Adesso finalmente le cose potranno, gradualmente, tornare come un tempo: dal 3 gennaio prossimo quando il nuovo specialista sarà presente ed operativo a tutti gli effetti.  (Monia Mariani – riproduzione riservata)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: