Archivio del Fendente

2007-2011

Bossi, impara l’Inno Nazionale Italiano, è l’ora

FRATELLI D’ITALIA

Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta;
dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa.
Dov’è la vittoria? Le porga la chioma
ché schiava di Roma Iddio la creò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Noi fummo da secoli calpesti, derisi
perché non siam popolo, perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica bandiera, una speme:
di fonderci insieme già l’ora suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci; l’unione e l’amore
rivelano ai popoli le vie del Signore.
Giuriamo far libero il suolo natio
uniti, per Dio, chi vincer ci può?

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò

Dall’Alpe a Sicilia dovunque è Legnano;
ogn’uom di Ferruccio ha il core e la mano;
I bimbi d’Italia si chiaman Balilla;
il suon d’ogni squilla i Vespri suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Son giunchi che piegano le spade vendute;
già l’aquila d’Austria le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia e il sangue Polacco
bevè col Cosacco, ma il cor le bruciò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Bossi, impara l’Inno Nazionale Italiano, è l’ora

  1. PROF. DOTT. ITALO MARSICOVETERE in ha detto:

    CONSIDERAZIONI “INATTUALI”
    tanto il cancro della lega padania sta attecchendo nella mentalità e nel conformismo del la Nazione dell’ inno di Mameli e del tricolore verde bianco e rosso |
    Non a caso ero andato in “esilio volontario” in Svizzera [ma il costo della vita, la freddezza di Bregaglia nel canton Grigioni ed il razzismo culturale antitaliano dei crucchi biancocrociati mi hanno fatto rientrare da un anno in Patria. Purtroppo ho sbagliato ancora: Capolona (Arezzo) è ‘z…zo e particolarmente non accogliente. Io vo cercando serenità alla Petrarca.
    “Non mi rompere i coglioni” è il fraseggio urlato reiterato da un “indigeno” ottuagenario avverso me [soltanto perchè sono riuscito a far sanzionare una diffida “di polizia” ad un mio vicino cafone e molestatore. Ebbene – la poco netiquette che un (per me, indegno) ministro della Repubblica ciclicamente dia del “rottura de’ coglioni” citando il capo del governo e avvisando a non “rompere” altro segretario di Stato – sia pure “senza portafoglio” è INDECENTE.
    Forse non sarebbe male che per essere elettori e rappresentanti della sovranità popolare si tornasse all’ ottocentesca “prova” di saper leggere e scrivere e soprattutto un poco di educazione.
    >>>>>>>>>>>>>>>>> Sono stato sei volte “sotto le armi”: frequenza di due distinte Scuole militari per sottufficiali prima e per ufficiali dopo |
    Abbasso Berlusconi, Fini, Bossi [la Russa e Gelmini] rovina della PATRIA !
    (Arezzo) Capolona, 16 Agosto 2011
    ** Dott. ITALO MARSICOVETERE | professore di liceo – a riposo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: