Archivio del Fendente

2007-2011

Sciopero generale, 5mila per le strade di Arezzo

Arezzo-Un serpentone rosso fuoco, rumoroso, arrabbiato, frustrato. In migliaia, 5mila  si sono riversati per le strade d’Arezzo al fianco della Cgil per dire “no” alla manovra del Governo. Ma soprattutto per urlare il proprio disagio per un quadro economico fosco.
Molti slogan, Berlusconi il bersaglio prediletto, ma aldilà di qualche coro sopra le righe il corteo si è fatto sentire in maniera composta.

Striscioni e bandiere, portati da lavoratori e pensionati per un’ora e mezzo tra vie e piazze della città. Partenza da piazzale del Rossellino, quindi via Petrarca, via Guido Monaco, il passaggio attraverso piazza San Francesco, poi il Corso fino a piazza San Jacopo, teatro del comizio conclusivo.

Sul palco si sono alternati i vari delegati delle aziende aretine, ha concluso la mattinata Rosario Strazzullo della Cgil nazionale.
“Siamo soddisfatti – commenta il segretario provinciale della Cgil– per la quantità e per la qualità dell’affluenza. Ho visto anziani al fianco dei giovani, famiglie. E’ stata una grande manifestazione: la gente ha espresso tutta la propria insofferenza per le scelte del Governo e i propri timori per un momento così delicato.” (da Arezzo Notizie.it)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: