Archivio del Fendente

2007-2011

Ufficio stampa Provincia di Arezzo

 L’IDV DISINFORMA I CITTADINI

 ArezzoDura reazione del Presidente Vasai rispetto alla campagna di disinformazione che i rappresentanti del partito di Di Pietro stanno portando avanti sulle Province.

In democrazia, ogni cittadino e ogni formazione sociale, partiti compresi, è libera di raccogliere firme e presentare leggi di iniziativa popolare su qualsiasi argomento, ma non si può carpire la buona fede dei cittadini fornendogli informazioni false”.

Il Presidente della Provincia Roberto Vasai reagisce con sdegno all’iniziativa che ha visto anche ad Arezzo i  tavoli dell’Idv per la raccolta delle firme, per l’abolizione dell’attuale legge elettorale e delle Provincia. “A queste condizioni non ci sto – prosegue Vasai – è già spiacevole prendere atto che un partito che fa parte della mia maggioranza è il massimo sostenitore dell’inutilità di questo ente, ma non è accettabile che si racconti alla gente che l’abolizione delle Provincia porterà risparmi per 18 miliardi di Euro. Se si è in buona fede, bisogna spiegare alla gente che le Province spendono ogni anno 12 e non 18 miliardi, ma soprattutto bisogna spiegargli che li spendono per le strade che percorriamo ogni giorno, per le scuole dove vanno i nostri ragazzi, per i centri per l’impiego e per la formazione, per promuovere lo sviluppo e la tutela del territorio e per tutelare gli interessi della gente. Detto questo, bisogna spiegare alla gente che il risparmio dato dall’abolizione degli organi politici delle Province è inferiore alla centesima parte di quanto sostiene l’Idv. Se si ha l’onesta di spiegare alla gente tutto questo, la raccolta delle firme è un atto di democrazia e di libertà, altrimenti è un’azione fraudolenta contro il territorio e la comunità locale.

 -Gb-

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Ufficio stampa Provincia di Arezzo

  1. leonardo mazzi in ha detto:

    …ma perchè non lasciare a Regione e Comuni le competenze della Provincia!?Perchè un comune si deve interessare dell’edilizia scolastica di asili,materne,elementari e medie e…non anche delle superiori?Con un unico ufficio tecnico e recupero del personale si può operare in modo omogeneo e su tutti gli ordini di scuola…forse anche programmando ed utilizzando meglio le poche risorse disponibili.E questo …solo per fare un esempio.,a se Vasai accetta sono disponibile anche ad un confronto con lui su altre motivazioni che mi rendono convinto del superamento delle provincie,tanto più se piccole come quella di Arezzo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: