Archivio del Fendente

2007-2011

Quando i “secessionisti” cercano e trovano aiuto dalle Istituzioni !

Corteo anti-Lega a Venezia . Scontri con la polizia, occupati i binari

 Il consigliere comunale Beppe Caccia, rimasto ferito durante gli scontri (foto You Reporter)

Venezia – Circa mille persone, in testa uno striscione con la scritta “Lega ladrona”. Il corteo organizzato da centri sociali, partiti e associazioni anti-razziste a Venezia arriva a meno di ventiquattr’ore dalla Festa del popolo padano. E, fin da subito, la tensione è alta, con la polizia in assetto antisommossa che blinda le strade. Le tensioni cominciano davanti al Ponte degli Scalzi, non lontano dalla stazione ferroviaria, quando alcuni manifestanti tentano di forzare il cordone delle forze dell’ordine, che rispondono con una carica. Da lì partono dal corteo fumogeni e una bomba carta. Il risultato è che ci sono una ventina di feriti: 12 tra polizia e carabinieri e una mezza dozzina tra i manifestanti; tra questi il consigliere comunale Beppe Caccia che, insieme ad altri esponenti del parlamento cittadino, procedeva nella prima fila del corteo con le mani alzate.

E che ci sarebbero stati tafferugli forse lo si poteva prevedere, visto che solo poche ore prima che cominciasse la manifestazione Questura e Prefettura avevano negato la possibilità di sfilare lungo il percorso richiesto, da Strada Nova a Santa Margherita passando per Rialto e San Marco. Ma gli organizzatori hanno deciso di dire no al divieto imposto dalle istituzioni.
Nel pomeriggio sono stati occupati per circa mezz’ora anche i binari della stazione di Santa Lucia. Il traffico dei treni ha poi ripreso intorno alle 18:50 con pesanti ritardi.                                      -La Redazione-

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Quando i “secessionisti” cercano e trovano aiuto dalle Istituzioni !

  1. PROF. DOTT. ITALO MARSICOVETERE in ha detto:

    **
    Abbasso la secessione | viva la Patria = ITALIA !

    Colophon
    Prof. Dr. Italo MARSICOVETERE,
    Centocinquantenario di avvìo dello Stato unitario:
    l’ altro-Risorgimento nella militarità |
    Conferenza alla sezione combattenti e reduci di Subbiano-Capolona
    2011
    A cura dell’ Autore
    Stampa presso Dimensionegraph Tifernate |

    Libro “fuori commercio” in dotazione a pubbliche Biblioteche || <<

  2. PROF. DOTT. ITALO MARSICOVETERE in ha detto:

    Dott. Italo Marsicovetere
    Professore di liceo – a riposo
    Centocinquantenario
    d’ avvìo dello Stato unitario:
    l’ altro-Risorgimento
    nella militarità |
    2011
    conferenza alla sezione combattenti e
    reduci di Subbiano-Capolona
    **
    Questa memoria – la cui pubblicazione sta in viaggio verso Biblioteche pubbliche importanti – si riferisce ad una mia orazione a novembre prossimo venturo per i caduti in guerra e ai superstiti combattenti e reduci. Bene: a che serve che io adoperi la mia cultura per fare – come diceva l’ avvocato Pertini – opera di educazione civica se poi ad un partito “in camicia verde” si permette di vantare antipatriottismo. Mi fa senso sentire un ministro della Repubblica (sia pure indegno) istigare alla guerra per l’ indipendenza della Padania; è schifoso che il segretario di Stato per gli interni inneggi all’ ordine del capo Bossi [mentre un ministro del Governo dovrebbe caso mai attendere direttive dal Capo dello Stato.
    Come cittadino sono scandalizzato che Carabinieri e polizia di Stato vadano alla carica di pensionati o di studenti – o di antileghisti – e nulla facciano contro governanti spergiuri.

    addì 18 Settembre 2011 – domenica

    **
    DOTT. ITALO MARSICOVETERE | Professore di Liceo – a riposo

    [AREZZO] CAPOLONA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: