Archivio del Fendente

2007-2011

FERROVIA SANSEPOLCRO-AREZZO

I DEPUTATI MATTESINI E VERINI IN TRENO CON SINDACI E AMMINISTRATORI 
 

“Quello di sabato 1 ottobre sarà un vero e proprio ‘viaggio’, da Umbertide a Sansepolcro, a bordo del treno della FCU, insieme a sindaci e amministratori, esponenti di forze socialie e politiche. L’obiettivo: rilanciare il progetto di collegamento ferroviario tra Sansepolcro e Arezzo, con il ripristino, attraverso una nuovo progetto, della tratta che esisteva fino ad oltre la metà del secolo scorso”. (Nella foto: la Stazione di Anghiari anno 1940)

Così, in una dichiarazione congiunta, i parlamentari del PD Walter Verini e Donella Mattesini, promotori dell’iniziativa di sabato prossimo quando alle 11.10 dalla stazione di Umbertide saliranno in treno alla volta di Sansepolcro. Insieme con loro, tra gli altri, il Sindaco di Umbertide Giulietti e altri sindaci dell’Alto Tevere Umbro ai quali si aggiungeranno, nelle successive  fermate il primo cittadino tifernate Bacchetta e quelli di Sangiustino, Citerna, Monte Santa Maria Tiberina. A Sansepolcro, fermata obbligatoria e “fine della corsa”, ad attenderli con il sindaco Daniela Frullani, ci saranno altri sindaci dell’Alto Tevere toscano e dell’aretino. Sono stati invitati anche i rappresentanti delle due Province, impegnate (quella di Arezzo con importanti iniziative a suo tempo avviate) nel sostenere il progetto che, se realizzato, segnerebbe una svolta rispetto al cronico isolamento infrastrutturale della Valtiberina Umbro-Toscana. “Al termine del viaggio – aggiungono Mattesini e Verini – terremo insieme agli amministratori una conferenza stampa che servirà non soltanto a rilanciare l’idea e l’utilità del progetto, ma a formulare proposte precise per far fare allo stesso dei concreti passi in avanti”.

“Il collegamento ferroviario tra Sansepolcro e Arezzo con il ripristino della tratta che esisteva – proseguono i due parlamentari – sarebbe un elemento di grande rilievo per il trasporto. Connetterebbe all’alta velocità attraverso Arezzo, una vasta zona che soffre l’isolamento, all’alta velocità, favorirebbe migliaia di pendolari lavoratori e studenti, incentiverebbe un flusso turistico su rotaia, diminuirebbe il traffico su gomma, potrebbe favorire il trasporto di merci via ferrovia”. “Sabato prossimo – concludono Mattesini e Verini – faremo il punto insieme agli amministratori locali, già impegnati su questo fronte e, più in generale, su quello delle infrastrutture (E78 e messa in sicurezza della E45) e siamo fiduciosi nel fatto che, con piccoli passi ma compiuti nella direzione giusta, anche i progetti più ambiziosi possono concretizzarsi”.        
Walter Verini
Deputato PD dell’Umbria                      
-Ufficio Stampa-

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “FERROVIA SANSEPOLCRO-AREZZO

  1. serafino in ha detto:

    Alora un lete capito c’hanno dar’fare la ferrovia pel novo Segretario della Sinnica…..

  2. POMODORO in ha detto:

    Ma se per rifare un viadotto sulla E45 non sono bastati 10 anni, se l’incompiuta E78 dopo 40 anni è ancora da venire e risulta già vecchia, se per rifare un muro mal costruito sul lago ci vorranno altri 6/7 anni ma di che cosa vogliamo parlare. Fanno didattica politica sapendo benissimo che la linea ferroviaria fino ad Arezzo non sarà mai costruita. Disfattista? forse….ma a questo punto solo i fatti mi possono smentire non le parate nostalgiche di chi propone progetti impossibili. Completare le cose iniziate non lanciare nuovi progetti. Il finanziamento chi lo mette?

  3. PROF. DOTT. ITALO MARSICOVETERE in ha detto:

    PROF. MARSICOVETERE | STRADA FERRATA TRA AREZZO, ANGHIARI E GUBBIO <<

    Storia del Risorgimento: strade ferrate in Umbria fu il titolo di una mia conferenza a metà anni Novanta del Novecento ad Università "popolare" in provincia di Perugia. Per la preparazione di quella mia "lezione" pubblica ero andato per archivi e biblioteche -salendo ovviamente anche al capolinea Sansepolcro. Quella raccolta documentale – l' intera raccolta anche sul trenino che da Arezzo per santa Maria delle Grazie e su ad Anghiari, via Umbertide, se ne iva a Fossato di Vico si trova al MUSEO STORICO DELLE POSTE Roma Eur | Prof. Italo MARSICOVETERE " Storia del Risorgimento: strade ferrate in Umbria" collocazione O.V. * 42363 |
    Come da conferma del 12 ottobre 2001 firmato il Direttore CARTACCI <<
    Anche nel decennio di mia residenza biturgense ogni tanto i giornali hanno fatto il lancio della novella sul ripristino ferrovia locale intra Arno, Tevero et appenino umbro-marchigiano: ma tutto è durato l' èspace d' un matin ||
    **
    DOTT. ITALO MARSICOVETERE | Professore di Liceo – a riposo

    lì 27 7mbre Duemilaundici
    [Arezzo] Capolona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: