Archivio del Fendente

2007-2011

Montedoglio ed il suo invaso dopo il dramma sfiorato del 29 dicembre 2010

Montedoglio, un ente pubblico economico per la gestione della diga una volta chiuso il capitolo Ente Irriguo Umbro-Toscano

Sansepolcro – E’ stato un convegno molto partecipato, quello di ieri sera nella sala teatro del convitto Inpdap “Regina Elena” di Sansepolcro avente per delicato argomento l’invaso di Montedoglio quando siamo giunti a un mese esatto dalla scadenza del mandato dell’Ente Irriguo Umbro-Toscano. Occupate per intero le poltroncine e anche tanta gente in piedi, a dimostrazione del fatto che sarebbe stato più opportuno tenere l’incontro in un locale con capienza maggiore. L’amministrazione comunale biturgense, rappresentata dal sindaco Daniela Frullani, pare intenzionata a lavorare nella direzione di ricostituire quel rapporto fra cittadini e diga che si è rotto dallo scorso 29 dicembre, con il distacco dei conci del muro di sfioro. A illustrare il nuovo organismo di gestione, che sarà un ente pubblico economico, ha provveduto l’assessore regionale toscano all’Agricoltura, Gianni Salvadori , il quale ha precisato che si sta mettendo a punto in questi giorni il relativo testo che diverrà legge per le due Regioni, Toscana e Umbria. A proposito del ruolo rivendicato dalla Valtiberina su Montedoglio, saranno creati dei comitati che potranno confrontarsi con il nuovo ente e con gli amministratori. Al tavolo dei relatori, con moderatore il giornalista Federico Sciurpa, gli assessori regionali all’Agricoltura, Gianni Salvadori perla Toscanae Fernanda Cecchini per l’Umbria; il presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai, l’assessore provinciale perugino Domenico Caprini; il direttore dell’Ente Irriguo, Diego Zurli e il sindaco biturgense Daniela Frullani. (da Saturno notizie)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Montedoglio ed il suo invaso dopo il dramma sfiorato del 29 dicembre 2010

  1. POMODORO in ha detto:

    Il convegno lascia il tempo che trova. La realtà è che il PD ha già fatto entrare illegittimamente la sua creatura A.C.E.A. dentro Nuove Acque per poi prendersi questa gallina dalle uova d’oro che è
    il lago di Montedoglio. Se ciò non fosse vero domandate dove sono andati a finire gli Euro per tutti
    i metri cubi di acqua che l’invaso ha sino ad oggi rilasciato. Ditemi quale beneficio hanno ottenuto i quattro comuni che ospitano tale opera nel loro territorio. La risposta a tutto sicuramente non i convegni addomesticati ma quello che il Popolo legittimamente ha richiesto ovverosia l’acqua pubblica sia di Montedoglio che di Arezzo Sansepolcro Anghiari ecc.ecc. Questo ci è dovuto e se il
    PD lo capisce bene altrimenti tutti a casa.

  2. leonardo mazzi in ha detto:

    Certo,però,se non ci fossero state l’iniziativa, la grande passione e l’attivismo dei Democratici per cambiare,chissà se il convegno avrebbe avuto mai la luce e lo stesso successo di partecipazione.Ancora una volta ,poi,si è avuto la piena sensazione dell’imbarazzo “politico” della Frullani,il tentaivo del Laurenzi di recuperare l’immagine di una giunta ferma e senza idee e la totale assenza del PD e/o di quel poco che resta di questo ,pur nobile ed importante partito.

    • Erika Chiasserini in ha detto:

      L’iniziativa di Democrati per Cambiare + La Sinistra + Italia dei Valori era nata come una grande occasione di partecipazione popolare ma appena chiesta la partecipazione delle istituzioni e la condivisione a tutte le forze politiche presenti in comune si è trasformata in un noioso convegno in cui i politici se la sono suonata e cantata a scapito dei cittadini che all’uscita hanno definito il ‘monologo politico’ inutile e come al solito falso e quindi ‘una serata buttata via’. Chiediamo scusa ai politici che sono venuti da lontano a perdere tempo e ai cittadini che forse gli dovranno pure pagare il gettone di presenza e il rimborso carburante (speriamo di no!) .
      Erika C.
      Ndr.- del “Fendente” – Nulla è perso Erika, se un qualche cosa non riesce per colpa ben precisa, alla prossima occasione ci guarderemo bene di certi personaggi. O no !

  3. Erika Chiasserini in ha detto:

    Ci hanno gentilmente informati che l’Ente Irriguo chiude il 7 novembre (cosa nota da anni!) e che i politici si sono premurati di costituire un Ente Pubblico umbro-toscano che lo sostituisca formato da regioni, province e comuni interessati dalla diga (e INTERESSATISSIMI all’ACQUA!!)
    Quello che è stato detto è che si devono ancora definire le modalità di partecipazione delle comunità locali: ovviamente con la rappresentanza delle amministrazioni Comunali, ma non dei cittadini delle realtà interessate (quindi tutto il POTERE AL SINDACO), forse con degli “organi di vigilanza”, forse con dei comitati. Forse…. Inoltre mi ha coplita la magnanimità con cui uno strapagato assessore regionale ha detto: “vi dirò di più, sarei anche disposto a far ripulire l’alveo del tevere”! (no comment!)
    I politici sapevano della scadenza dell’Ente Irriguo e a 1 mese da tale data ancora non hanno definito i dettagli? Ma che fanno, dormono? Le nomine per le appetibili poltrone nell’ente irriguo a chi andranno? I costi di questo carrozzone? I progetti di questo ente-carrozzone per l’invaso e per lo sfruttamento dell’acqua (Centrale idroelettrica, sfruttamento turistico, ecc)? DOVE SONO LE GARANZIE che l’80% dei soldi fatti la Diga ritornino in Valtiberina in infrastrutture e investimenti? Che non andranno sperperati in consulenze STILE NUOVE ACQUE ad amici, parenti o compagni di partito? Che non andranno a finanziare le tubature e le infrastrutture di altre valli (valdichiana, casentino,..) prima della nostra? Ci hanno trattato da SPROVVEDUTI che non sanno come vanno queste cose come se da tangentopoli ad oggi, passando per 20 di Berlusconismo non avessimo capito quali e quanti interessi economico-politici si nascondano dietro questi Enti. Io ho capito che questi politici hanno parlato il politichese puro ieri sera; ho capito che hanno avuto paura delle domande dei giornalisti, che temono gli interventi spontanei dei cittadini, che per non sbagliare hanno chiamato un loro amico a fare da moderatore per evitare domande scomode, che sono lì da 20 anni e che in 20 anni non hanno fatto niente per noi. Ecco cosa non è stato detto ma che ci hanno testimoniato in modo inequivocabile. Dargli in mano la Diga, senza controllarli da vicino, senza satrgli con il fiato sul collo sarebbe un grosso errore. Sisgnifica fargli fare soldi a palate e non vederne un solo centesimo.
    Erika
    Ndr.-del”Fendente”.- Sempre più ” c a r r o z z o n e ” e ci sta bene anche per la scelta che a suo tempo abbiamo fatto votando: V i n a i.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: