Archivio del Fendente

2007-2011

Roma, guerriglia in piazza S.Giovanni. Scontri in diversi quartieri della città

Roma – Auto in fiamme, scontri e cariche in via Manzoni, via Labicana, via Merulana. Caccia all’uomo della polizia in Piazza Vittorio 
Un blindato dei carabinieri dato alla fiamme, il crollo del tetto in un edificio del ministero della Difesa, anche questo incendiato, violenti scontri tra black bloc e forze dell’ordine in piazza San Giovanni. Mentre per il centro di Roma sfilava una grande folla di “Indignati” pacifici, alcune centinaia di violenti hanno attaccato la polizia con cariche, brandendo spranghe e transenne. Al momento si contano una trentina di feriti tra le forze dell’ordine e una ventina tra i manifestanti, il più grave dei quali ha avuto alcune dita spappolate da un pertardo ed è ricoverato in codice rosso. Un ragazzo è rimasto ferito alla testa, colpito a quanto si sa dallo specchio retrovisore di un blindato in retromarcia. Aggredite numerose troupe televisive. Tanti anche gli episodi di danneggiamento contro banche e automobili. Dopo l’incendio del blindato gli scontri si spostano da Piazza San Giovanni verso via Labicana e poi verso l’Esquilino. Tra la stragrande maggioranza dei manifestanti pacifici è esplosa la rabbia contro i black bloc, colpevoli di avere rovinato un’iniziativa molto partecipata 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

6 pensieri su “Roma, guerriglia in piazza S.Giovanni. Scontri in diversi quartieri della città

  1. Purtroppo non c’è più fiducia in nessuna forza politica, la storia ci ha insegnato che dove non c’è ascolto o dialogo nasce una guerra, e laddove lo squilibrio di forza è evidente (Stato e cittadini) la guerra sfocia, dopo tutte le manifestazioni inascoltate, in atti violenti verso i singoli. Sicuramente qualcuno aspetterà l’occasione buona per far pagare chi ci governa con la collusione mafiosa, pagando a destra e sinistra, vivendo nelle agiatezze più sfrenate lasciando i giovani marcire nella propria cultura e nella frustrazione più totale. Troppe belve in gabbia attorno ad un domatore rincoglionito ed un pubblico cieco. Poi nessuno si scandalizzi … se la gabbia si spezza e finalmente ….

  2. Maria Cristina G. in ha detto:

    Se questi sono 2 o 3 mila persone, non è che il popolo italiano si sta ribellando?

    Non ci ha pensato nessuno?

  3. antonio rinaldi in ha detto:

    DIVIDI ET IMPERA….spero l’abbia scritto bene….credo che questa frase racchiuda e faccia ben capire qual’è il mio pensiero!!!!

  4. Olinto Gherardi in ha detto:

    Pienamente d’accordo con Luca:un Governo che blinda la zona dei Palazzi in vista di una manifestazione planetaria,pacifica ed autorizzata,dà l’idea di saperla lunga sull’intervento dei BB,altrimenti non si spiega come mai su 900 cortei nel Mondo solo a Roma è successo casino;è fin troppo semplice capire che la cosa è stata preparata per far apparire pericolosa la manifestazione e deleggittimare le giuste proteste dei manifestanti.Berlusca & comp., non sapete più cosa inventare per mascherare una dittatura di fatto.

  5. luca in ha detto:

    Se avete ancora dubbi di chi potrebbero essere i cosidetti BLACK BLOC leggete i titoli dei due unici giornali manifestamente pro Berlusconi con le loro deliranti e pericolose accuse………
    J’ ACCUSE…….
    Io ricordo una foto di un cosidetto”autonomo” con una P38 in mano che sparava contro i Carabinieri negli oramai lontani Anni di Piombo per poi scoprire che era un COMMISSARIO di pubblica sicurezza …
    A chi giova……..
    senz’altro al cosidetto potere poiche’ esso non puo’ tollerare voci fuori dal coro…..
    Pertanto i cosidetti Black Bloc sono solo dei prezzolati pagati e protetti dall’attuale Governo per poter giustificare una violenta ed ignominosa campagna di degilittamazione delle giuste e valide proteste ed accuse dei nostri giovani
    Arcipelago Gulag Stalag 17 Siberia
    Ndr.del”Fendente”.- Pensiamo che tu non sia lontano dalla verità.In simili occasioni, anche nel passato c’è sempre stato lo zampino di qualche uomo forte. Vedete bene che “mercato” si apre quando debbono votare una fiducia, le ricompense sono sotto gli occhi di tutti, tutto viene comprato (tra disonesti)Ma, fino a quando sarà loro permesso ?Un esempio che riteniamo ‘mortale’: una persona sicuramente preparata e corretta facente parte della Lega Nord è “Ministro dell’Interno” quel movimento politico che sibillato da Bossi anela alla “scissione” della Padania (i confini li sa solo il senatur) dall’Italia. Ditemi dove possa essere la sicurezza.

    • silvano lagrimini in ha detto:

      Nel 2001 a Genova durante il G8 i BB si sono comportati esattamente come a Roma e come di qualche mese fa in Val di Susa per la TAV, questi sono deliquenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: