Archivio del Fendente

2007-2011

Secondo “Forza Nuova”: situazione amministrativa disarmante a San Giustino Umbro

A metà mandato una disamina sull’operato delle forze politiche che amministrano il comune di San Giustino non può non porre in risalto una situazione di disarmante stagnazione della vita politica ed amministrativa del comune. A fronte di un centrosinistra arroccato sugli ‘imput’ che vengono da un sindaco che ragiona e si comporta come l’unico uomo al comando e che gestisce “in panciolle” il suo mandato, troviamo un’opposizione assolutamente immeritevole dell’ampio e storico consenso ottenuto all’ultima tornata elettorale. Per farla breve,altro non si può registrare se non un’assoluta povertà di idee da una parte e, dall’altra, la mancanza di spirito battagliero su questioni che da tempo attendono risposte. Ne prendiamo in esame solo due: la scelta fatta dalla maggioranza di perpetuare un sistema di raccolta differenziata antidiluviano rende ben chiaro l’immobilismo e la miopia di una giunta che non riesce a vedere al di la del proprio naso e dei confini comunali, dove, invece, la raccolta differenziata avviene secondo criteri di logica ed efficienza. Dell’opposizione c’è sinceramente da dire poco, tanto è  la sua inconsistenza e la sua inconcludenza: il suo operato è stato inversamente proporzionale alla speranza che i cittadini ebbero nel riconoscerle un 45% alle ultime elezioni e il massimo che sono riusciti a fare è stato riproporre un consiglio comunale aperto per la E78, quando tutti sanno che la strada o non si farà, o se si farà le decisioni le prenderanno altrove e non certo a Selci o a San Giustino. Insomma, San Giustino specchio dell’Italia, seppur a ruoli contrapposti: un governo grottesco ed immobile, con un’opposizione tanto fatua quanto inconsistente.

 

Resp. Forza Nuova Valtiberina

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: