Archivio del Fendente

2007-2011

Immigrati, Napolitano: “Cittadinanza ai figli”

Sì del Pd, e del 3° polo –  

Il Pdl minaccia la tenuta del governo

Il Capo dello Stato torna sull’esigenza di riconoscere la cittadinanza ai nati in Italia: “E’ assurdo non farlo”.La Legaminaccia: “Faremo le barricate in Parlamento e nelle piazze”.La Russa: “Così si fa cadere il governo”

Riconoscere la cittadinanza a chi nasce in Italia, a prescindere dalla nazionalità dei genitori. A rilanciare il tema caro a Gianfranco Fini, è oggi il Capo dello Stato che per la seconda volta in pochi giorni rilancia l’urgenza del provvedimento conquistando il plauso del ministro Riccardi, Pd, Udc e Fli ,ma scatenando la reazione della Lega e di parte del Pdl. Così, se Dario Franceschini del Pd si dice pronto a “votare entro Natale”, Roberto Calderoli annuncia che il Carroccio farà “barricate in Parlamento e nelle piazze”; mentre Ignazio La Russa minaccia: “Così si fa cadere il governo”.

Giorgio Napolitano, stamani, ha definito “un’autentica follia, un’assurdità che dei bambini nati in Italia non diventino italiani; non viene riconosciuto loro un diritto fondamentale”. L’inquilino del Quirinale ha rilanciato così la necessità del diritto di cittadinanza ai figli degli immigrati già avanzato dal Pd che, dopo averlo invocato in aula settimana scorsa in occasione dell’insediamento dell’esecutivo di Mario Monti, sabato e domenica ha raccolto in più di mille piazze le firme a favore della cittadinanza per chi nasce e cresce in Italia. Che oggi sono circa 350mila. L’Indagine conoscitiva sulle problematiche connesse all’accoglienza di alunni con cittadinanza non italiana nel sistema scolastico italiano, svolta dalla commissione Cultura della Camera, ha “contato” nelle aule 630mila figli di immigrati (il 7% degli alunni) e oltre la metà di loro nati in Italia.

Da Pierluigi Bersani a Gianfranco Fini, da Felice Belisario dell’Idv e Pierferdinando Casini, plaudono a Napolitano e ora guardano al governo Monti. “Cari leghisti, abbiamo centinaia di migliaia di figli di immigrati che pagano le tasse, vanno a scuola e parlano italiano e che non sono né immigrati né italiani, non sanno chi sono.

È  una vergogna e la:  V E R G O G N A   sono solo i “leghisti” –(ndr.-).

 

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

8 pensieri su “Immigrati, Napolitano: “Cittadinanza ai figli”

  1. Erika Chiasserini in ha detto:

    Se portiamo solo esempi di gente che delinque, o di gente che non rispetta le regole facciamo di tutta un’erba un fascio e non se ne esce mai. Non si nega la cittadinanza ad un bambino nato in Italia da genitori che non hanno commeso nessun reato solo perchè una certa percentuale di immigrati s’è comportata male. Chi sbaglia deve essere arrestato e punito sia esso ITALIANO o STRANIERO. Se le attuali leggi non mettono in condizione le forze dell’ordine di espellere i criminali stranieri o non consentono di tutelare i cittadini è una pecca del governo (la famosa legge Bossi-Fini non ha risolto nulla, anzi semmai ha aumentato il caos!). In 15 anni di governi di c-dx non mi pare si sia fatto nulla per fermare la criminalità internazionale e alla luce di questo sarebbe meglio un cambio di strategia. Cominciamo a regolarizzare chi nasce in Italia e educhiamolo ad essere Italiano. Sarà più facile che avere centinaia di migliaia di immigrati più o meno irregolari fino a 18 anni?

  2. giulio borghese in ha detto:

    mi sa che ne avrebbe veramente bisogno di leggerla la costituzione…..poi mi scusi per caso fa pure l’indovino?????
    perche se cosi fosse dovrebbe cambiare mestiere(l’indovino)e cmq lei sembra un ufficiale di stalin che se qualcuno non la vede come lei o semplicemente ha una opinione differente dalla sua per forza ha torto…bel modo di fare giornalismo

  3. giulio borghese in ha detto:

    ma siamo matti o cosa?????
    questi stanno facendo le crociate senza armi ci hanno invaso,non pagano le rette scolastiche non pagano i pulmini se inveiscono contro un compagno di classe bisogna capirli sono starnieri se lo fa un bambino italiano e’ razzista…BASTA ci hanno rotto…se vogliono venire in italia a lavorare e studiare ben vengano ma gli va ricordato che ci sono i DOVERI oltre che i diritti….e la cittadinanza ad ognuno la sua!!!!

    • Se, comunque si parlasse tutti con un pò meno di veleno nei confronti degli altri, ci capiremmo sicuramente meglio perchè ci dovremmo sentire tutti fratelli. Certo: “diritti e doveri” per tutti ed azzera tutta quella “cattiveria” nei confronti di chi ‘non’ ti somiglia.

      • giulio borghese in ha detto:

        non ce’cattiveria,egregio direttore,nei confronti di nessuno solo la coscienza di cio’ che vedo tutti i giorni….porto mio figlio all’ospedale perche si e’fatto male ad un dito lo visitano radiografie steccatura e 35 euro…ci vanno gli extracomunitari tutto dovuto e 0 euri…cosi monta la rabbia e a chi non monterebbe????? noi paghiamo anche l’aria loro sempre niente sopratutto le tasse..altro esempio???’banco del mercato la finanza chiede lumi su uno scontrino ad commerciante italiano e costui gli dice”perche ai signori davanti a me non chiedete mai niente???(erano africani)risposta sentita con le mie orecchie..tanto a loro non possiamo fare niente e anche se facciamo un verbale e non lo pagano qualsiasi giudice gli da ragione….e’ uguaglianza questa????? solo diritti per loro e noi paghiamo
        mi smentisca egregio direttore e saro’ lietissimo di dire che mi sono sbagliato

      • Caro lettore, finchè verranno fatti ragionamenti come i suoi: “può anche essere giusto che qualcuno le dia certe risposte”.
        Si ricordi quando toccava agli italiani a comportarsi come loro.
        Perchè “non” tira le orecchie ai facili colonialisti che poi lasciano quei ‘poveri’ cristiani allo sbando ?

      • giulio borghese in ha detto:

        le faccio un altra domanda…che vantaggio porterebbe all’italia la cittadinanza ai nati da cittadini extracomunitari????
        e poi non ho capito il senso della sua risposta “puo’ essere anche giusto che qualcuno le dia certe risposte” cosa vuol dire????
        le colonie noi ne le abbiamo o mi sbaglio??

      • Certo caro lettore di “destra-simil lega bossiana”, puoi dire ciò che vuoi e se mi chiedi . ‘cosa voglio dire’, eccoti la risposta: “Per prima cosa leggi ed impara la Costituzione Italiana.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: