Archivio del Fendente

2007-2011

Nuovo bando per l’assegnazione delle case popolari

SANSEPOLCRO – Presentato oggi a Palazzo delle Laudi in conferenza stampa da Andrea Laurenzi, Assessore alle politiche di Coesione Sociale e Sanitarie e da Rosanna Betti responsabile Ufficio Sociale Servizi alla Persona, il nuovo bando del comune per l’assegnazione delle case popolari. “Alla graduatoria che scaturirà da questo bando faranno riferimento le prossime assegnazioni delle nuove disponibilità di alloggi che sono in cantiere a Sansepolcro. In progetto infatti ci sono le trasformazioni della struttura delle ex poste, quasi terminata, e quella degli ex magazzini del tabacco di Porta Romana – spiega Laurenzi – Questi interventi una volta conclusi aumenteranno la dotazione del comune di Sansepolcro di almeno 20 nuovi appartamenti di edilizia residenziale pubblica .

“Attualmente a Sansepolcro ci sono 116 famiglie in attesa dell’assegnazione dell’alloggio ed il comune è proprietario di 162 alloggi che sono attualmente tutti occupati. “E’ un’ulteriore azione – aggiunge Laurenzi – che l’Amministrazione porta avanti sotto la direzione della Regione Toscana e che si affianca al contributo per gli affitti e a diversi interventi articolati con i quali si cerca di dare una risposta, almeno in parte,  anche  alle emergenze abitative.

” Il bando del concorso pubblico destinato alla formazione della graduatoria  è stato pubblicato lo scorso 5 dicembre e le domande potranno essere presentate fino al 3 Febbraio 2012. Il bando ha carattere generale e non integrativo e quindi al momento dell’approvazione della graduatoria definitiva saranno cancellate tutte le richieste presentate nei bandi precedenti anche se la presenza in graduatoria costituirà parte del punteggio. Per questo gli interessati all’assegnazione dovranno rinnovare la propria istanza anche se hanno partecipato al bando anno 2009. La decisione di emettere un bando generale è stata presa a livello provinciale perché la Regione Toscana ha apportato delle modifiche significative alla legge inserendo per esempio la possibilità di riconoscere e quindi di attribuire un punteggio anche allo sfratto per morosità causato dalla perdita del lavoro o da gravi motivi di salute. Ci sono poi requisiti diversi per i cittadini italiani e quelli extracomunitari. Questi ultimi possono partecipare al bando per le case popolari ma devono essere in possesso almeno di un permesso di soggiorno biennale e dimostrare di avere un contratto di lavoro o di essere iscritti al centro per i disoccupati. I cittadini italiani possono essere residenti o anche non residenti nella regione purché dimostrino di svolgere un’attività lavorativa a Sansepolcro ad una distanza chilometrica di almeno un’ora. Il reddito e l’assenza di proprietà idonea sono altri due parametri fondamentali. Il reddito viene considerato secondo il parametro Irpef abbattuto del 40% per il lavoro dipendente e con detrazioni importanti per i figli a carico. Tutti i dettagli sono comunque reperibili dal sito del comune o direttamente negli uffici di Piazza Garibaldi.

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: