Archivio del Fendente

2007-2011

I signori sindaci della Valtiberina toscana sono sordi?

Un po’ più di considerazione verso i cittadini  cercati solo durante il periodo elettorale, non farebbe male.

Valtiberina-Senza risposte le domande   formulate ai “signori Sindaci” per conto dei “loro cittadini”, dopo grazia ricevuta: la “poltrona”.

Del resto, come potrebbero rispondere dal momento che loro già sapevano quello che sarebbe avvenuto in Valtiberina toscana per il nuovo taglio ai servizi ospedalieri di quello che era, negli anni passati,  un vero funzionante Ospedale di zona.

Questa volta si parla:  dell’ interruzione della reperibilità  medica notturna e festiva nella sezione di radiologia in favore di un nuovo meccanismo di telematica da effettuare dai primi di gennaio 2012 con il risultato che  la notte e i fine settimana il cittadino che si reca al pronto soccorso per un’ urgenza non potrà avere, sul luogo,  una TAC o RX che  necessita .

Le loro ‘signorie’ non possono cadere dalle nuvole e non potranno più promettere o parlare di conquiste utili ai cittadini, quindi ancora in ordine alfabetico delle cittadine, li chiamiamo in causa e formuliamo nuovamente le domande::

Sindaco La Ferla di Anghiari, sindaco signor Giovannini di Badia Tedalda, sindaco signor Betti di Caprese Michelangelo, sindaco signor Boncompagni di Monterchi, sindaco signor Bragagni di Pieve Santo Stefano, sindaco Frullani di Sansepolcro e sindaco signor Donati di Sestino: “cosa intendete fare, non vi sembra che sia giunto il momento di essere chiari ? Vi abbiamo nominati uno per uno sperando in una risposta che significhi “rispetto” per i cittadini a cui “dovete” rendere conto perché sono i loro voti che vi hanno fatto occupare “quella poltrona” altrimenti, lo ripetiamo: lasciatela quella poltrona di sindaco a chi veramente avrà il diritto di essere ritenuto “il primo cittadino”.

Vi ricordiamo che anche i singoli cittadini debbono avere la possibilità di intervenire sulle decisioni che riguardano la loro salute e debbono poter trovare adeguato ascolto se hanno rimostranze, lamentele, segnalazioni o denunce da avanzare sui servizi sanitari ed i componenti la Conferenza dei Sindaci, quindi Voi che appena sopra siete stati nominati, “dovete” dare ascolto e potreste essere anche d’accordo senza particolari difficoltà.

Malgrado le solenni dichiarazioni sul “Modello sociale europeo” (il diritto all’accesso universale ai servizi sanitari), numerose limitazioni mettono in discussione la effettività di questo diritto.
Le differenze del sistema sanitario nazionale mettono a rischio gli stessi diritti di pazienti, consumatori, utenti, famiglie, soggetti deboli e comuni cittadini.

Come cittadini non dobbiamo accettare che i diritti possano essere affermati in teoria (rileggetevi il famoso ‘Protocollo d’intesa’ approvato dal Consiglio Comunale di Sansepolcro in data 13.02.2008) e negati in pratica a causa di limiti finanziari che, per quanto possano essere giustificati, non possono legittimare la negazione o la messa in discussione dei diritti dei pazienti. E’ assurdo accettare che questi diritti possano essere proclamati nelle leggi ma non attuati, o affermati nei programmi elettorali ma dimenticati dopo la formazione di un nuovo governo, nazionale o locale.

Esercitate dunque, cari politici,  il vostro impegno in modo serio e costruttivo, superando le ipocrisie partitiche e  impegnatevi  affinchè l’azienda sanitaria  riveda i propri progetti di razionalizzazione e si impegni definitivamente nel dare accredito ai servizi da erogare nella nostra struttura in modo da poterlo ancora chiamare “OSPEDALE di Zona”.

-La Redazione-

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

5 pensieri su “I signori sindaci della Valtiberina toscana sono sordi?

  1. Cinzia Celati in ha detto:

    Eppure il Sindaco di Sansepolcro asserisce che il 2012 sarà l’anno della crescita. La sig.ra Frullani possiede la sfera di cristallo oppure durante il suo mandato iniziato nell’anno 2011 ha intrapreso delle iniziative nella città di Sansepolcro che fanno ben sperare?! A me non risulta nessuna azione da parte del Sindaco di Sansepolcro se non l’immobilità.
    Cinzia Celati

  2. POMODORO in ha detto:

    Le pecore votanti saranno contente. La loro Principessa come i suoi compagni che l’hanno preceduta finisce di vendere al partito che governa la regione gli ultimi spiccioli di quello che ci rimane. Le tariffe dell’acqua non calano, i terreni candidati alla speculazione appartengono agli amici, se vuoi avere prestazioni sanitarie devi andare a Castello oppure ad Arezzo. La Scuola non riesce a mantenere le iscrizioni il lavoro non se ne trova. Va tutto bene così un colpo di bene che vi prenda a tutti.

    • giulio borghese in ha detto:

      hai detto la sacrosanta verita’ pomodoro!!!!!finche’ in ITALIA nessuno paghera’ penalmente e civilmente degli sbagli che i manager politici fanno continuamente in nome del partito(il pd in toscana)la musica sara’ sempre la solita..cioe’ stonata e ha pagare saremo sempre e solo noi…i cittadini tartassati

  3. Eufemio Merendini © in ha detto:

    fino a l’altro giorno c’anno speso i miglioni di euri e i politici se facevino tutti belli da destra a sinistra colla nuova dialisi e col nuovo pronto soccorzo ma intanto sotto sotto ridevino perché sapevon bene che tanto st’ospedalino catapecchia ormai è inutile e i 5-6milioni che c’anno speso son serviti solo per farci gli ultimi favori e per prenderci in giro la gente che tanto guande c’è da aboccare, abocca sempre a l’amo.
    Io gni ne farebbi arpagare a loro sti soldi ch’an butto via, che se erino i loro ullavrebbero spesi manco per il cavolo!
    Multe milionarie per chi sbaglia ce vorrebbino altro che storie!
    Hai speso 5.000.000, te se se piglia la casa, el cane, el gatto, la machina, il muturino e te se toglie lo stipendio finché campi.
    come premio te se danno 1000 euri al mese e te se regala una casa popolare: poi voglio vedere chi arisbaglia!

  4. la peste in ha detto:

    Sono tutti uguali….

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: