Archivio del Fendente

2007-2011

Montedoglio: la Valtiberina faccia i conti con la sinistra

 Locci, “Sull’Ente Acque i cittadini e gli industriali si appellino ai veri responsabili”

ValtiberinaIl consigliere regionale Dario Locci (Gruppo Misto) replica all’appello delle categorie economiche locali a proposito del nuovo ente, dopo che nei giorni scorsi i rappresentanti degli industriali della Valtiberina hanno lanciato un messaggio a mezzo stampa per vietare l’accesso all’Ente Acque da parte dei politici “trombati” in cerca di poltrone, un appello rivolto a quei politici che rappresentano il territorio nelle varie sedi, dai quattro Comuni della Valle, alla Provincia di Arezzo, fino al Consiglio regionale.

Ma Locci non ci sta a farsi chiamare in causa come ha fatto l’anghiarese  Giovanni Sassolini Busatti – presidente comprensoriale degli industriali – forse perché quest’ultimo non a conoscenza dei fatti per cui Locci non può essere unito agli altri politici che ci rappresentano in Regione a cui secondo Sassolini dobbiamo dire: “Dimostrate di amare sul serio il territorio e la sua economia e non trasformare in un ufficio di collocamento per singole persone ogni opportunità che si pone davanti a beneficio della collettività” (dal Corriere di Arezzo- pag.15 del 3 gennaio 2012).

Questa la dichiarazione del consigliere regionale:

-“L’Ente Acque Umbre-Toscane è frutto di uno dei soliti pasticci tra partiti. Sulla mancanza di una adeguata rappresentanza dei territori nel Cda i cittadini e gli industriali della Valtiberina si rivolgano al vero responsabile di questa situazione: la sinistra”.

 “Sono stato l’unico in Aula ad alzare la voce e chiedere che la legge istitutiva dell’Ente venisse immediatamente modificata in modo da dare degna rappresentanza ai territori. Ma mi sono trovato di fronte al no compatto della maggioranza”.

In occasione della ratifica dell’accordo Toscana-Umbria, Locci si era fatto promotore di un ordine del giorno in cui si chiedeva anche: l’inserimento nello statuto del nuovo Ente di alcuni meccanismi economici compensativi dei danni della diga, sia in termini di rischio che di deprezzamento di terreni e costruzioni, in favore dei cittadini del territorio.

“Ma niente da fare, l’ordine del giorno è stato bocciato- afferma molto amareggiato il consigliere Locci-. Ela Valtiberinaè rimasta, ancora una volta, la sola a pagare i danni della diga di Montedoglio”.

“Adesso – conclude il consigliere – i cittadini chiedano il conto alla sinistra”.

Ndr.Al presidente Sassolini, a suo tempo consigliere democristiano nel comune di Anghiari, proponiamo che,  dall’alto della sua carica, indichi chi potrebbe entrare a far parte, con pieno merito, nel CdA e suggeriamo anche di mettere in giusto risalto e non in modo marginale la colpa di certi impresari che costruirono la diga con materiale scadente, anzi la colpa maggiore che rischiò di procurare una catastrofe. Come vede Sassolini, i politici cercano i “carrozzoni” per quando saranno ‘trombati, certi impresari invece, lavorano come quelli che costruirono la diga che magari fruttò loro denaro ed il posto in altro ‘carrozzone’ per premio anche se commisero un reato e rischiarono di procurare una strage.

Rimbocchiamoci le maniche, mettiamoci in azione senza tanti proclami, facciamolo in silenzio ma con onestà.

-Il direttore-

 

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Montedoglio: la Valtiberina faccia i conti con la sinistra

  1. POMODORO in ha detto:

    Questo è accaduto a Sansepolcro:
    1) La diga costruita con cemento depotenziato.
    2) Una casa costruita dove non si poteva.
    3) Un ristorante con problemi di agibilità.
    4) Terrazzi che sono divenuti attici.
    5) Cave non ritombate con sanzioni minime
    6) Costruzioni civili sopra le mura
    7) Due megaville in zona verde
    8) Un Sindaco che da licenze alla moglie
    Ecc.ecc.ecc.
    Mi sbaglio? Che meraviglia di paese. Quelli che hanno consentito tutto questo ora vogliono governare il nuovo ente.
    Riflessione: ma il denaro per tutti i m3 di acqua che la diga fornisce dove vanno a finire? E’ lecito saperlo?

    • giulio borghese in ha detto:

      Hai pienamente ragione Pomodoro!!!!!
      Il bello e’ che questi signori che sbandierano la tanto onesta’ politica e intellettuale(tanto per usare un termine caro a questi vergognosi)siano poi piu’ sporchi e ridicoli di chiunque altro!!!!
      almeno avessero il buon senso di starsene zitti tanto ridicoli sono e lo rimarranno sempre!!!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: