Archivio del Fendente

2007-2011

L' Amministrazione comunale e lo spirito di imitazione

 C’è chi inventa le “camicie verdi”  e chi istituisce il “nonno vigile”
Sansepolcro – Sembra che a seguito dell’incotro di mercoledì 4 gennaio tra gli assessori Borghesi e Cestelli con i Vigili Urbani, sia stato comunicato che da oggi 9 gennaio cambierà il traffico davanti alla palestra “Buonarroti”. Sia al mattino che negli orari di uscita degli studenti, entreranno in azione gli ausiliari (pensionati volontari) inizialmente coadiuvati dai vigili e sarà vietato di poter parcheggiare davanti alla palestra fino alle 16,30.
Per quanto riguarda la scuola media “Pacioli”, è già stata istallata una nuova segnaletica, non ancora completata ma lo sarà nei prossimi giorni, ed anche lì saranno presenti gli ausiliari.
Ai vigili sembra sia stato spiegato che si tratti  di un periodo di sperimentazione che potrà essere “corretto e migliorato”.
A questo punto ci sembra utile e necessario( lo farà  questa Redazione) poter verificare “nei dettagli” come realmente stia la pratica del Nonno vigile, di cui nessuno ha dato spiegazione. Per essere più chiari: cercheremo di verificare se dietro ci sono compensi (di qualsiasi natura e forma) perché al mondo, di gratis, ci pare ci sia veramente poco.
Infine, tre domande:
-come verrà gestita la responsabilità di fronte a incidenti di qualsiasi tipo (nei confronti del nonno vigile, nei confronti dei ragazzi ?);
-che potere giuridico hanno i nonni di impedire abusi / violazioni alla nuova segnaletica stradale ;

-chi ha avuto questa brillante idea di affidare la gestione di un servizio che comunque riguarda la sicurezza e l’ordine pubblico a persone anziane o  hanno superato l’età “utile” per poter fare ciò in assoluta sicurezza propria ed altrui ?
Bisognerebbe, infine,  capire che bisogno c’era di “chiamare i nonni” quando alcuni vigili il più delle volte stavano in macchina senza presidiare (così sostengono i cittadini) i due punti: incrocio di fronte Gori e incrocio con piazzale palestra Buonarroti; bastava che facessero tutti il loro dovere venendo tutti i giorni ed eseguire l’ordine di servizio.

-La Redazione-

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “L' Amministrazione comunale e lo spirito di imitazione

  1. POMODORO in ha detto:

    La responsabilità della sicurezza dei bambini e dei cittadini tutti è del Sindaco. Delegare qualche volontario pensionato, pur animato dalle migliori intenzioni, è un atto di superficiale irresponsabilità. Da Cittadino mi piacerebbe conoscere la “Job valuetion” dei vigili che è sindacalmente praticata in altre Città. In pratica si tratta di indicare in un foglio provvisto del logo di un orologio come si compone la giornata di un dipendente o per essere più semplici “chi fa che cosa e per quanto tempo”. Sono convinto del fatto che se il sistema fosse applicato ai circa 100 dipendenti comunali i volontari “vecchietti” sarebbero lasciati in pace alla bocciofila oppure a giocare a briscola. Queste operazioni di facciata a costo zero sono più propri in un condominio che non in una Amministrazione Comunale. E’ solo fumo negli occhi per chi vuole contrabbandare l’immagine che in Comune i dipendenti sono oberati di lavoro. Se ciò fosse vero il Sindaco farebbe meglio a dotare il Comune di macchinette erogatrici per risparmiare tutto il tempo che passano al bar esterno.
    Ndr.- Attento caro lettore: “queste operazioni di facciata NON sono a costo zero”. Per domattina potrai leggere sul Fendente la delibera di Giunta ed avrai una risposta.

  2. Inoccupato in ha detto:

    Forse la giunta Frullani farebbe bene a fare quello che ha fatto fino ad ora; niente! Almeno non fa danni, perchè se i provvedimenti che adottano sono di questo elevato profilo, meglio che stiano buoni buoni.
    Forse la Frullani, pare che a San Giustino i nonni vigili siano attivi da un po’ di tempo, vuole importare la sua esperienza negativa anche a Sansepolcro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: