Archivio del Fendente

2007-2011

Censimento della popolazione: questionari a quota 92,95%

SANSEPOLCRO – Ottima è stata la risposta al Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. Al  14 gennaio sono stati restituiti 6.614 questionari pari al 92,95%. I nuclei familiari che lo hanno ricevuto sono stati 7.388. Alla luce dei fatti dunque, un buon esito anche paragonato con i dati precedentemente raccolti. Un mese fa infatti, intorno a metà dicembre (a circa due mesi dall’inizio del censimento) erano 4578 i questionari riconsegnati (oltre 2mila questionari raccolti in quattro settimane, Ndr). I 6.614 questionari ad oggi restituiti sono a sua volta così ripartiti. Consegnati presso il Centro Comunale di raccolta 2268 (pari al 36,93%), compilati via web 2197 (30,87%), spediti tramite Poste Italiane 1187 (16,68%) e infine consegnarti direttamente al rilevatore 602 (8,46%). Sembra così risulti una predilezione verso la forma di compilazione cartacea con consegna presso l’Ufficio Comunale, seguita dalla compilazione via web. C’è da sottolineare l’impegno da parte dell’Ufficio Comunale di Censimento che dal 9 ottobre, giorno di inizio, ha ricevuto e aiutato le persone alla corretta compilazione. Inoltre sul campo hanno operato 15 rilevatori che hanno effettuato anche la rilevazione degli edifici su ben 67 sezioni del comune. Il termine ultimo per la riconsegna dei questionari non compilati è il 10 febbraio. “Chiediamo un ultimo impegno e sollecitiamo tutti coloro che non hanno ancora restituito il modulo – afferma la Responsabile, Maria Antonella Piccini – Rispondere oltre che un dovere è un obbligo di legge”. Nel mese in corso l’attività di sollecito nei confronti delle famiglie non adempienti è molto intensa. Quotidianamente gli operatori dell’Ufficio Comunale di Censimento verificano nel sistema informatico dell’ISTAT le famiglie che non hanno restituito il questionario, sollecitandole a sua volta, mentre i rilevatori operano presso le abitazioni dei cittadini non ancora censiti, offrendo loro assistenza per la compilazione. C’è da segnalare che le famiglie irreperibili possono incorrere nella cancellazione dal registro della popolazione e, nei casi di palese rifiuto alla compilazione, potranno essere attivate anche procedure di accertamento con successive sanzioni amministrative.  -mm-

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: