Archivio del Fendente

2007-2011

Ecco a cosa dovrebbe far pensare il giorno della "Memoria"

Il commento di un nostro  lettore:

Inviato il 27/01/2012 alle 14:49 da POMODORO
Ricordare e commuoversi per aver vissuto sulla propria pelle la sopraffazione e la violenza è troppo poco. Bisogna essere sinceramente convinti che nessuno, a prescindere dai propri convincimenti, ha il diritto di annientare altri ne fisicamente ne intellettualmente. La tolleranza e la dialettica sono le virtù per assicurare ai nostri figli un avvenire più giusto e più duraturo. La malvagità non deve prevalere sulla parte buona dell’uomo che è parte di amore e di fratellanza. In questo si stabilisce il nostro futuro costruito nella pace che è figlia della giustizia. La violenza non è mai giustificata anche quando reagisce alla provocazione. Oggi è un giorno triste perchè tutti dobbiamo prendere atto di quella bestia che ringhia dentro ognuno di noi è ancora troppo ascoltata e ancora purtroppo mai dominata. Alla polvere di quei cadaveri passati per un camino nessuno può dichiararsi innocente.
contro, la violenza e, la sopraffazione,

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: