Archivio del Fendente

2007-2011

Obama: "Anche i ricchi paghino"

 L’Iran? “Nessuna opzione esclusa
L’America oggi e’ piu’ forte e piu’ sicura rispetto al 2008 e ora bisogna renderla piu’ giusta. E’ questo il messaggio che Barack Obamaha lanciato nel suo discorso sullo stato dell’Unione, in cui ha rivendicato i miglioramenti dell’economia rispetto all’era Bush e ha annunciato una riforma fiscale con un’aliquota del 30 per cento per i milionari. Nell’intervento di un’ora e cinque minuti, salutato dalla “standing ovation” del Congresso, il presidente americano ha di fatto lanciato la campagna per la sua rielezione a novembre, indicando qual e’ la posta in palio nella sfida con i repubblicani: “Se vogliamo essere un Paese dove sta bene solo una minoranza sempre piu’ ristretta, o dove ciascuno ha la parte che gli spetta”. Tra le proposte avanzate un piano di incentivi fiscali a tutte le imprese che ri-localizzano negli Stati Uniti e la creazione di una task force per contrastare la concorrenza sleale della Cina. E poi il rilancio della Buffett Tax, l’imposta sui milionari: “Se guadagni piu’ di un milione di dollari l’anno, non devi pagare meno del 30%”. Sull’Iran, la piu’ importante crisi in politica estera, Obama ha ribadito che una soluzione pacifica e’ ancora possibile ma ha avvertito che “tutte le opzioni restano sul tavolo”, compresa quella militare.

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: