Archivio del Fendente

2007-2011

Archivio per la categoria “poesia”

Signor Giubilei Mirco, ci tolga una curiosità

Gent. Redazione,

ci rivolgiamo a voi affinché facciate da tramite nei confronti del destinatario:

questo si leggeva sul Corriere di Arezzo il giorno 27 settembre. Continua a leggere…

Annunci

Le poesie di Uguccione de’ Fiaschi

Il Mercato de S.Egidio A.D. 2011

L’incedere lento,Elegante,Imponente

di Cavalieri e Dame fra ali di gente Continua a leggere…

Uguccione de’ Fiaschi e la … piovra

Le tasche sono sfonde

Hanno fatto la manovra che mi pare alquanto losca

sembra fatta dalla Piovra,e diretta da una Cosca

‘n sacco de discorsi strani de promesse sempre eluse

a noi poveri Italiani,mo le palle c’hanno fuse Continua a leggere…

Preghiera al Vigile Urbano, di Uguccione de’ Fiaschi

VIGILA…..URBANO

Vigila Urbano….vigila piano
nella notte scura,senza paura
percorri il Corso,non farti un sorso
reprimi chi beve come si deve
scrivi il verbale e dona un pitale Continua a leggere…

Anghiari: la Libera Università, poesia che mi racconti

Dell’Autobiografia presenta una serata di Letture Poetiche ad Anghiari

Anghiari 4 agosto 2011

raccontarsi in poesia è come segnare le date del proprio passaggio nel mondo, è un rivelarsi a furia di sguardi nella felicità  delle immagini, nelle esplosioni delle metaforiche .

Giovedì¬4 agosto, alle ore 21,  una serata di letture poetiche con il poeta Stefano Raimondi, insieme ai corsisti della Settimana Estiva della Libera Università  dell’ Autobiografia, nella Continua a leggere…

Uguccione de’ Fiaschi e “certi” politici

Inviato da Uguccione de’ Fiaschi il 30/03/2011 alle 00:49

Stete boni si potete,’chè già danni fatto avete
che n’ve passi pe’ la testa,che guminci n’antra festa
n’ete fatto gnente prima,si nun dè fieto ala bocca Continua a leggere…

Vanità, vanità!

di Turiddo Guerri

Più d’uno vuole apparire quello
che non è: colto, intelligente e bello,
pensando sia la gente credulona,
che invece non lo è, e lo canzona.

E tuttavia ancor dopo millenni,
la vanità lusinga i minorenni,

gli adulti e pure molti anziani:
il più cioè di noi esseri umani,

che valutiam la paglia più del fieno,
ed il bicchiere vuoto più del pieno:

la concretezza e la serietà
valgon molto men della vanità.

Libreria del Frattempo: “Voci nella nebbia”

Sansepolcro-Sabato 20 marzo alle ore 21,30, Libreria del Frattempo, vi aspettiamo per un reading di poesie con l’autore del libro “Voci nella nebbia”, Flavio Castelli.
“un’altra sigaretta e un altro bicchiere
e lascio che questa musica jazz
mi riporti indietro nel tempo”

Oggi, 8 marzo 2010…

…il “Fendente” omaggia tutte le donne

La Redazione

Una serata dedicata alla Donna

8 Marzo al Tirar Tardi in collaborazione con Libreria del Frattempo

Sarà una serata diversa dal solito, quella che proporrà l’Enoteca Tirar Tardi di Sansepolcro, per festeggiare la donna fuori dalla banalità che ormai da molti anni contraddistingue l’8 marzo nei ristoranti e nelle discoteche.

Niente spogliarelli, niente tronisti od inquilini del Grande Fratello, nessun bello, ma una serata di lettura, declamazione, musica, racconti aperti al contributo di tutti grazie Continua a leggere…

MONIA MARIANI E FRANCESCO CROCIANI: “La strana coppia”

Presentati a Palazzo Pretorio dei libri inediti scritti da due giornalisti del Fendente

SANSEPOLCRO – Sabato 26 Dicembre i due scrittori della Valtiberina Toscana hanno presentato i loro più recenti lavori letterari nella splendida cornice della Sala Espositiva di Palazzo Pretorio nell’ambito della dodicesima edizione della “Collettiva d’arte Varia della Compagnia Artisti”.  

Monia Mariani ha presentato “Dipinti a Mente” mentre Francesco Crociani “Al di qua e al di là degli Appennini”. Continua a leggere…

Il nostro tempo

Si può contar sulla parola data
nell’attuale nostra società?
Solo eccezionalmente è rispettata
ché altrimenti sarebbe ingenuità.
Sono lontani i tempi, ormai remoti,
quand’eran tutti ignoranti e idioti!

Siamo ora invece tutti intelligenti
perché nati da padri deficienti!

Turiddo Guerri

L’effetto serra de ‘n Angdiarese

—Si un m’ardici de l’effetto serra

gni do ‘n cazzotto e ‘n calcio  ‘n tui coglioni,

perché ‘n è punto vero che la terra

‘n ha più bisogno dei termosifoni,

e che ‘l calore anche ‘n tu l’inverno

à più forte che un è a l’inferno.

‘Un vedono che giunti guèsi a maggio

s’acendi foco come de gennèio?

Per questo io ‘n altro poco caggio

in tui scalini molli del solèio

‘n du’ andèvo a piglière du’ catoni

per brucè meglio ‘n pochi de bastoni.

Ma l’ho de più colla tilivisione

che dici sempre con voci sicura

che presto artonnarà el sor leone

e da domèni ‘l tempo bono ardura.

Dura ‘n cazzo … ché guèsimente bufa

e se sta acanto o a la stufa!

Turiddo Guerri

Navigazione articolo