Archivio del Fendente

2007-2011

Archivio per il tag “ai frati”

I frati della Verna da oggi sono “abilitati” all’uso del defibrillatore

Al corso hanno preso parte anche due suore. L’apparecchio donato dalla Fondazione Cesalpino di Arezzo.
La Verna – “Sono stati davvero degli eccellenti allievi. Attenti, recettivi, hanno dimostrato una grande disponibilità a prendere possesso delle nozioni necessarie per adoperare il situazione di emergenza il defibrillatore semiautomatico.” E’ il commento di massimo mandò, direttore della centrale 118, che stamani ha guidato il corso di istruzione per 9 frati e due suore del Santuario della Verna, all’uso del defibrillatore.
Oltre a Mandò c’erano due istruttori che hanno fornito dapprima alcune nozioni teoriche per poi passare all’uso pratico dello strumento, con il quale tutti gli allievi si sono esercitati. Presenti anche i volontari della Croce Rossa di Chiusi della Verna, che già utilizzano nei loro mezzi il defibrillatore.
L’iniziativa, fortemente voluta dal direttore del distretto sociosanitario del casentino Carlo Montaini e dal sindaco di Chiusi della Verna Umberto Betti, è stata possibile grazie anche al contributo della Fondazione Cesalpino che ha regalato ai frati defibrillatore, custodia e tutti gli accessori necessari all’occorrenza.
La comunità religiosa della Verna ha compreso l’importanza di avere questo strumento ed un gruppo di persone capaci di utilizzarlo.
Qui giungono ogni anno 600.000 pellegrini. Di fronte ad un arresto cardiaco, l’unica speranza di salvare una vita umana è quella di utilizzare il defibrillatore entro i primi 4/5 minuti dall’evento. L’arresto cardiaco porta alla morte entro dieci minuti, ma già dopo 6/7 minuti provoca conseguenze irreparabili al cervello.

Navigazione articolo