Archivio del Fendente

2007-2011

Archivio per il tag “Caprese Michelangelo”

Caprese Michelangelo e la castanicoltura da frutto

“Quali prospettive nella Politica Agricola Comune 2014-2020 per la castanicoltura da frutto”.
E’ il titolo dell’importante convegno organizzato per mercoledì primo febbraio prossimo a Caprese Michelangelo. Caprese, oltre ad aver dato i natali al sommo Michelangelo Buonarroti, è conosciuta per essere legata da sempre a doppio filo alla coltura della castagna, generoso frutto che da fondamentale risorsa alimentare ha assunto nel tempo connotati di autentico volano ambientale, turistico e culturale. L’iniziativa si terrà presso l’aula magna del locale centro sportivo a partire dalle ore 9 del mattino. Ricco e diversificato il cartellone dei relatori. Dopo il saluto portato ai partecipanti dal sindaco di Caprese, Filippo Betti, e dal Presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai, interverranno, fra gli altri, il dottor Roberto Cherubini, funzionario del Ministero delle politiche agricole, l’assessore regionale Gianni Salvadori, Oreste Giurlani, presidente dell’Uncem regionale toscano, Giovanni Tricca, presidente della Camera di Commercio di Arezzo, Augusta Bartoli, presidente dell’associazione “Marrone di Caprese Michelangelo dop”, oltre ai rappresentanti di Coldiretti, Cna, Cia e Confagricoltura. Alle 13, in chiusura dei lavori, il buffet preparato dagli allievi della Scuola Alberghiera di Caprese Michelangelo.

-fdt-Comunicato Stampa

 

Annunci

Valtiberina Toscana, scatta Unione dei Comuni

L’appuntamento è fissato per venerdì 23 dicembre.

Sansepolcro – Nell’antivigilia di Natale nascerà ufficialmente l’Unione dei Comuni, con l’insediamento dell’assemblea del nuovo organismo che prende il posto della Comunità Montana. Alle 17, presso la sala “Ottorino Goretti” dell’ente comprensoriale, il varo dell’istituzione comprensiva di sei comuni della Valtiberina – Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Sansepolcro, Sestino (Pieve S.Stefano, come noto, si è chiamata fuori) – e la relativa prima assemblea del nuovo consiglio.

All’ordine del giorno c’è appunto: la presa d’atto dell’organismo e l’affidamento degli incarichi istituzionali che regoleranno le competenze del prossimo futuro.

Una successiva assemblea, da tenersi entro fine anno, comincerà ad entrare nello specifico delle  problematiche, in particolare per quanto riguarda l’approvazione del bilancio e l’implementazione dei servizi associati, tra cui quello della polizia municipale secondo i dettami della legge regionale.

Francesco Del Teglia-

Navigazione articolo